Ci sono tantissime cose hanno sconfitto lo scorrere del tempo, vieni a parlarne su Award & Oscar.

FORUM ANTIVIOLENZA A.D.I.D - Aiuto donne in difficoltà [CENTER][URL=http://fidelisonlus.altervista.org/][IMG]http://im0.freeforumzone.it/up/10/78/427920156.jpg[/IMG][/URL][/CENTER]

SPOT CONTRO L'ANORESSIA, VOI CHE NE PENSATE?

  • Posts
  • OFFLINE
    FidelisAdmin
    Post: 1,118
    Post: 1,071
    Registered in: 3/5/2006
    Gender: Male
    Presidente Associazione Fidelis Onlus
    Veteran User
    00 10/8/2007 3:22 PM





    Il famoso fotografo ha ripreso una modella magrissima "perché gente sappia e veda"

    C’è la mano di Oliviero Toscani e la presa di coscienza, da parte di una modella anoressica, della propria condizione di malata, dietro la foto, già definita da «pugno nello stomaco», della magrissima giovane francese Isabelle Caro, che da oggi appare sui giornali e sui manifesti affissi nelle maggiori città. Il suo corpo, di soli 31 chili, è stato scelto come testimonial per la campagna pubblicitaria, accompagnata dallo slogan «No anoressia», della casa di moda Nolita, del gruppo Flash&Partners. La donna, completamente nuda, ha deciso di accettare di mostrarsi «perchè la gente sappia e veda davvero, a che cosa può portare l’anoressia». Una campagna che ha già suscitato diverse reazioni e che ha ricevuto l’approvazione del ministro della Salute Livia Turco, che ha dichiarato di apprezzarne sia i contenuti che le modalità di realizzazione.

    Isabelle Caro ha raccontato a Vanity Fair (in edicola il 26 settembre) le vicende familiari che l’hanno condotta sulla strada della malattia che oggi, dopo 15 anni, l’ha ridotta 31 chili di ossa e pelle affetta da psoriasi, ricoperta di una lanugine bionda e completamente nera sotto gli zigomi. «Mi sono nascosta e coperta per troppo tempo: adesso voglio mostrarmi senza paura, anche se so che il mio corpo ripugna - spiega al settimanale - Le sofferenze fisiche e psicologiche che ho subito hanno un senso solo se possono essere d’aiuto a chi è caduto nella trappola da cui io sto cercando di uscire».

    La campagna pubblicitaria si rivolge in particolare alle giovani donne attente alle indicazioni delle mode e intende richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla malattia che, insieme alla bulimia, colpisce in Italia due milioni di persone ed è spesso causata dagli stereotipi imposti dal mondo della moda.

    «L’anoressia è un tema tabù per la moda - osserva Oliviero Toscani - Come l’Aids ai tempi: nessuno nel giro della moda aveva l’Aids. Adesso invece l’argomento tabù è l’anoressia». Ma Toscani afferma di non ritenere che «la moda abbia grandi responsabilità nel problema dell’anoressia, è una cosa molto più ampia - sostiene - che riguarda tutti i media e in particolare la televisione, che propone alle ragazze modelli di successo assurdi». «La tv - aggiunge - ha creato una società che non si ama e non si accetta. E il sistema è degenerato. La mostruosità piace. Siamo in preda a una malattia culturale: ci piacciono i mostri perchè non ci vogliamo bene». Sulle eventuali critiche che la campagna, per la sua crudezza, potrebbe sollevare, Toscani replica che «C’è una bellezza nella tragedia. Il paradosso è che ci si sconvolge davanti all’immagine e non di fronte alla realtà. Io ho fatto, come sempre, un lavoro da reporter: ho testimoniato il mio tempo».

    Anche Luisa Bertoncello, amministratore delegato di Flash&Partners, afferma di essere rimasta scioccata quando ha visto la foto «per la crudezza e la verità che comunica. Oggi però l’intento aziendale è proprio quello di usare i mezzi pubblicitari come strumento di sensibilizzazione ai mali sociali». Anche per il ministro della Sanità Livia Turco un’iniziativa come questa può essere in grado di «aprire efficacemente un canale comunicativo originale e privilegiato con il pubblico giovane attraverso un messaggio di grande impatto idoneo a favorire un’assunzione di responsabilità verso il dramma dell’anoressia».




    IL PARERE DEI MILANESI...





    Cartelloni pubblicitari di tre metri per sei sovrastano Milano con un'immagine che lascia di stucco. Una ragazza scheletrica, con il viso quasi impaurito e completamente nuda.

    Lei è malata e dice no all'anoressia. Lo dice anche Oliviero Toscani, mente e atefice della nuova campagna shock che fa discutere.

    Si ma chi fa discutere? Siamo stati tutta la mattina sotto uno di quei cartelloni, proprio nel giorno in cui l'assessore Giovanni Terzi ha chiesto che la pubblicità sia ritirata e il sindaco ha dato la sua approvazione. Sembra che gli unici a capire la necessità, a volte, di colpire dritto ai mali della società siano le persone. Due cose ci hanno lasciati perplessi.

    Innanzitutto, di questa fantomatica fotografia scandalo se n'è più parlato che altro, infatti la maggior parte dei passanti ha detto: sì, ne ho sentito parlare...sì, ho letto...ma non mi è ancora capitato di vederla. Allora forse non è stata poi così invasiva nella vita di tutti i giorni, se tutti sanno ma nessuno ha visto. Forse tutte le polemiche che ci sono girate intorno sono, come troppo spesso accade, frutto dei media e della loro capacità di trasportare l'opinione pubblica.

    Insomma tutto fumo e niente arrosto? Sì, considerando che la seconda constatazione è stata la corale approvazione di pubblico per il lavoro di Toscani. A tutti piace e non solo. Tutti sono convinti che se per smuovere le acque c'è bisogno di vedere il male in faccia, allora ben venga farlo vedere. Come per dire che è inutile nascondere la testa sotto la sabbia. Non c'è stata nessuna smorfia di orrore, nessuna sensibilità ferità, nessun polverone sull'eccesso di quella che in fondo, è una semplice realtà.
    Se una ragazza che pesa trenta chili si è prestata ad una tale provocazione (se così si può chiamarla), che senso ha stare a discutere se una fotografia è eccessiva o meno? Questo non dovrebbe essere l'ennesimo processo alle intenzioni di un artista, qui non ha importanza che Oliviero Toscani sia più incline allo scandalo che all'arte, non ci interessa se a qualcuno piace e a qualcun'altro no.

    Televisione, pubblicità, riviste, moda propongono un modello di donna, che non è sicuramente paragonabile a quello della campagna di No.Li.Ta, ma quello che si perde di vista è che il voler assomigliare a tutti i costi a un modello di magrezza imposto può portare all'anoressia senza volerlo, senza accorgersene. Ed è su quello che bisogna intervenire, ed è li che inizia la prevenzione.

    Perchè proprio le autorità si rifiutano di dare un segnale forte per un cambiamento radicale. Basta parole, basta polemiche inutili, basta cercare di tamponare gli argini. Bisogna fare!

    Fonte: milano.blogosfere.it






    Trovate che l'impegno di Toscani contro l'anoressia, sotto forma di foto shoch, possa veremente spingere le coscienze politiche e sociali ad affrontare seriamente il problema, molti hanno applaudito all'iniziativa, tra cui il ministro della salute Livia Turco, o trovate l'iniziativa poco credibile e non efficace o addiruttura per dirla con Paola Turroni: Ma è ingenuo, per non dire idiota, pensare oggi di utilizzare un’immagine per modificare anche soltanto l’emotività di qualcuno. Quante immagini di morte, torture, dolore, denutrizione, vediamo ogni giorno e quanto queste ci inducono a modificare il nostro modo di vivere e di pensare l’altro?












  • OFFLINE
    nascosta_nel_buio
    Post: 115
    Post: 74
    Registered in: 10/17/2007
    Gender: Female
    Junior User
    00 11/3/2008 11:37 AM
    ...questa immagine...bè...io l'ho vista solo tramite internet...ma...devo dire ke da persona malata di disturbi del comportamento alimentare dico ke:
    1-incita tantissimo noi ragazze a diventare più magre! si sembra assurdo...ma è così! il digiuno...per noi, non è la ricerca della bellezza! cioè ad un occhio esterno può sembrare così, ma nn lo è affatto! è una malattia mentale e di certo una foto del genere nn aiuta affatto a prenderne coscienza, xke la gente comune la vede, poi si gira nn ci pensa più...serve ben altro per far aprire gli occhi alla società!
    2-a me personalmente ha fatto molto male vedere il dolore di nolita, spiattellato su un cartellone pubblicitario! cioè è vero ke lei è daccordo però ci deve essere comunque rispetto!
    3-è stato solo un evento mediatico...io personalmente nn l'ho vista dal vivo ed è stato per toscani un altro modo per farsi pubblicità...e questo mi urta davvero tanto...
    non importa quanto dai ma quanto amore metti nel dare!
  • OFFLINE
    Pedagogista
    Post: 840
    Post: 840
    Registered in: 3/8/2006
    Gender: Female
    Moderatore Forum Antiviolenza
    Senior User
    00 11/10/2008 5:08 PM
    Il disturbo alimentare, problema emergente della società odierna soprattutto tra le giovani e giovanissime, non va discusso attraverso l'immagine di un manifesto pubblicitario che apparentemente fa scalpore. Personalmente non ho condiviso la scelta della modella di essere fotografata in questi termini per voler lanciare un messaggio forte, ne di chi ha saputo cogliere, nel dramma dell'anoressia, un modo per farsi pubblicità.
    L'anoressia e la bulimia sono problemi seri, prettamente di natura psicologica, i meccanismi che scattano sono ben lontani dall'essere scossi attraverso un'immagine visiva: si tratta di episodi verificatisi nella sfera personale, intima:traumi-dolori-fatti imprevisti-eventi che, sconvolgendo la vita di una persona, la fanno entrare in un tunnel senza uscita, dove chi può aiutarla è solo un serio, costante, articolato percorso psicodiagnostico e psicoterapeutico, di riappropriazione della propria identità.

  • OFFLINE
    Geneshys
    Post: 4,466
    Post: 827
    Registered in: 3/10/2006
    Gender: Male
    Moderatore Forum Antiviolenza
    Senior User
    00 11/11/2008 12:18 PM
    Comunque lo spot non ha il fine di sensibilizzare chi vive in prima persona questo problema, ma spingere le istituzioni a comprendere quanto grave e grande sia il problema dell'anoressia e mettere in campo tutta una serie di strumenti atti ad affrontare questa piaga sociale...


    Un abbraccio
    Gae
  • OFFLINE
    nascosta_nel_buio
    Post: 115
    Post: 74
    Registered in: 10/17/2007
    Gender: Female
    Junior User
    00 11/12/2008 2:01 AM

    Comunque lo spot non ha il fine di sensibilizzare chi vive in prima persona questo problema



    si ma probabilmente anke ki ne soffre si può trovare davanti quel cartellone e di certo nn aiuta a guarire!

    è vero ke si potrebbe sensibilizzare la gente ke nn conosce o ignora questo problema...anke se boh...nn credo ke una foto del genere possa sensibilizzare poi così tanto...
    ma c'è anke da prendere in considerazione chi ne è già schiavo di questa patologia! con questa immagine nn si fa che peggiorare la situazione xke nella nostra mente un pò bacata Nolita ci può fare da thinspiration...e di certo nn aiuta ad uscirne!
    non importa quanto dai ma quanto amore metti nel dare!
  • OFFLINE
    Lilli66
    Post: 720
    Post: 720
    Registered in: 9/3/2007
    Gender: Female
    Senior User
    00 11/12/2008 5:40 PM
    Io trovo che si può discutere sicuramente sull'effetto che una simile immagine può avere sulle persone malate di anoressia, però l'idea di fare una campagna "forte" contro certe piaghe che nascono anche da un certo modo di proporre la cultura dell'immagine sia comunque apprezzabile.
    Oliviero Toscani ha spesso usato queste immagini choc: sicuramente ha costruito così il suo "stile" e la sua fortuna, però non possiamo negare che abbia anche contribuito molto a scuotere l'opnione pubblica che molto spesso è "addormentata".
    Le cose "forti", quelle che colpiscono, sono sempre un po' discutibili. Mi viene in mente un detto che mi ripeto ogni tanto: "sol chi non fa, non falla!", nel senso che AGIRE significa rischiare di sbagliare, però se l'alternativa è non agire...
  • OFFLINE
    nascosta_nel_buio
    Post: 115
    Post: 74
    Registered in: 10/17/2007
    Gender: Female
    Junior User
    00 11/12/2008 11:44 PM
    forse sembrerò polemica...scusatemi!
    ma credo ke ci siano tanti modi per sensibilizzare le persone su una patologia così subdola, cercando anke di salvaguardare le persone ke ne sono vittima!
    cioè alla fine molte persone come me l'hanno presa come thinspiration! cavoloalla fine invece di fare qualcosa ke sensibilizza ha buttato anocra di più nel baratro le persone ke già ne erano immischiate! forse la mia è la visione di una che c'ha sofferto per questa immagine...ma credo ke come me ce n'è di gente ke la pensa così! perche per fare qualcosa di positivo alla fine si è fatto qualcosa di molto negativo! e nn credo ke toscani o nolita a questo nn c'abbiano pensato, semplicemente avranno messo come obbiettivo quello di fare scena, di attirare l'attenzione!
    non importa quanto dai ma quanto amore metti nel dare!
  • OFFLINE
    Geneshys
    Post: 4,466
    Post: 827
    Registered in: 3/10/2006
    Gender: Male
    Moderatore Forum Antiviolenza
    Senior User
    00 11/13/2008 12:57 AM
    Vadi cara amica io posso anche condividere in toto il tuo stato d'animo e il tuo pensiero in merito alla foto presentata, però non puoi "sindacare" sui motivi profondi che hanno spinto nolita a posare per questo spot pubblicitario...


    e nn credo ke toscani o nolita a questo nn c'abbiano pensato, semplicemente avranno messo come obbiettivo quello di fare scena, di attirare l'attenzione



    Posso anche accettare che Toscani abbia un'altro fine, ma quella donna che ha scelto di diventare una sorta di "punto e accapo" abbia ragioni più profonde di quella di fare scena o attirare l'attenzione.


    Io sinceramente non credo e non penso che questo sia il modo per aiutare chi soffre a causa di questo grave problema, ne un modo ultimo per sensibilizzare le persone e istituzioni, ci vuole ben altro.

    Un abbraccio
    Gae
  • OFFLINE
    nascosta_nel_buio
    Post: 115
    Post: 74
    Registered in: 10/17/2007
    Gender: Female
    Junior User
    00 11/13/2008 1:54 PM
    no, si, cioè mi son spiegata a cacchio...nn è che volessi proprio sindacare i loro motivi profondi! magari avranno le ragioni più pronde e belle del mondo...
    però quello ke mi chiedo: nolita purtroppo soffre di anoressia proprio da tanti anni, e si vede dal suo corpo, si legge sulla sua pelle...è così sofferente! però appunto quello ke mi chiedo è: è possibile ke nolita nn abbia pensato di rischiare di essere una thispiration?? io sinceramente nn credo! poi boh...magari sto dicendo queste cose in malafede...però mi rimane difficile credere ke una xsn anoressica da tanti anni, non c'abbia pensato a questo "piccolo dettaglio"!!!!
    poi, l'ho detto, magari hanno tutteddue motivi profondissimi...ma a primo impatto è questo ke mi è venuto da pensare!


    oddio scusate per il modo in cui ho scritto...è completamente sgrammaticato [SM=g27993]
    non importa quanto dai ma quanto amore metti nel dare!
  • OFFLINE
    Saraelettra
    Post: 26
    Post: 26
    Registered in: 7/5/2007
    Gender: Female
    Junior User
    00 3/12/2009 7:25 PM
    Appoggio completamente nascosta_nel_buio...
    Purtroppo per le mie conoscenze di psicologia e psichiatria e per la mia esperienza personale so che una persona con disturbi del comportamento alimentare nel vedere questo genere di immagini non si rende conto che quello è un messaggio di ALT!, ma trova in Nolita dei motivi di bellezza che un occhio comune non vede e continuerà con i suoi digiuni, o le sue abbuffate seguite da tecniche di eliminazione. E per quanto riguarda la sensibilizzazione del pubblico comune e delle istituzioni ci sono altri mezzi diversi dalle immagini shock che mandano al baratro sempre più ragazze inconsapevoli del fatto che quello non è uno stereotipo di bellezza, bensì il contrario... Perché sì, una anoressica in quella modella vede uno stereotipo da raggiungere!!!
Cerchi un Tracker Gps per la tua azienda? Con Intelligent Tracker puoi monitorare la tua flotta e molto altro.