Nuova pagina 1

 

 

 

 

 

Menù rapido al Forum

RIAPRE IL CENTRO ANTIVIOLENZA ADID

 
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

vorrei un aiuto per tornare libera

Last Update: 3/24/2009 1:55 PM
3/24/2009 10:57 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 3
Post: 3
Registered in: 3/23/2009
Gender: Female
Junior User
OFFLINE


ciao , sono una ragazza di 24 anni di Palermo. Sto vivendo un incubo e non so come e se ne uscirò fuori. Otto mesi fa mi sono sposata dopo 10 anni di fidanzamento fra alti e bassi, 10 anni nn sempre felici. Ho conosciuto mio marito che ero ancora una bambina, avevo 13 anni e tanta voglia di innamorarmi;lui mi sembrava il principe azzurro,mi proteggeva, mi faceva sentire importante e con lui stavo bene.Dopo qualche anno incontrai un nuovo ragazzo a scuola e me ne innamorai perdutamente e lui di me.Allora feci la cosa che più mi sembrava normale,cioè parlarne con lui e dirgli che mi ero innamorata di un altro e che volevo lasciarlo. Fu allora che cominciò il mio inferno, non accettava questa cosa ed ha cominciato a perseguitarmi, a minacciare me e l'altro ragazzo, a fare appostamenti,mi ha anche dato qualche schiaffo perchè io l'avevo tradito e questo non si fa. Mi tormentava e mi metteva paura, e siccome allora i miei nn sapevano niente che stessi con lui avevo paura che lo scoprissero e nn volevo xchè sapevo perchè sarebbe stato peggio.I miei erano convinti che fossi ancora una bambina non potevo certo spiegargli che non era cosi, sarebbe successo un altro inferno a casa.Alla fine ho ceduto, ho rinunciato al mio amore e sono tornata con lui,anche se dentro di me non volevo,ma ero stanca di subire quello che mi faceva,le minacce, le parolacce,le umiliazioni davanti alle compagne.Allora lo convinsi che ero pentita che in realtà volevo stare con lui e lui se ne convinse.Anch'io cominciai a pensare che tutto quello che aveva fatto me l'ero meritata,gli insulti,gli schiaffi,in fondo lo faceva perchè mi amava tanto, troppo, ed io ero solo un'ingrata.Andammo avanti così , io soffrivo perchè vedevo tutti giorni a scuola il mio amore che ormai si era allontanato da me, anzi mi odiava,pensava l'avessi preso in giro e si faceva vedere con altre ragazze. Ed io soffrivo in silenzio.Più volte abbiamo cercato di riavvicinarci, io lasciavo il mio fidanzato, pensavo di riuscirci e poi invece di nuovo, veniva a sapere che stavo di nuovo con quell'altra persona e ricominciava.Mi considerava sua proprietà ee anche se lo lasciavo lui nn lo accettava nella sua testa ero sempre la sua ragazza e lo stavo tradendo e questo non lo poteva sopportare.Ho tentato tante volte ne corso di questi anni a sganciarmi da lui, ma ogni volta puntualmente si ripeteva la stessa storia:io per paura tornavo da lui, lasciavo l'altro che finiva con l'odiarmi ed io soffrivo terribilmente e da sola.C'è stato un periodo in cui l'ho odiato con tutta me stessa, poi ho smesso di farlo perchè non serviva, mi facevo solo male.Allora gli volevo bene, si bene ma nn lo amavo. Oforse a volte mi convincevo di amarlo mentendo a me stessa.Poi nn potevamo andare avanti sempre di nascosto e l'ho presebtato ai miei. Non era il ragazzo che si aspettavano per me ma lo hanno accettato. E cosi ha cominciato a frequentare casa mia e a cominciare a parlare di matrimonio.E la cosa assurda è che si lo volevo anch'io. Volevo sposarmi, volevo una vita normale ,maa non mi rendevo conto che lo sarebbe stata solo in apparenza.Decidiamo la data e facciamo i preparativi. Mi succede ancora, mi innamoro di un altro. Lui questa volta non lo sa,è solo un amore platonico, lo tengo per me perchè so che è nn posso fare altrimenti.Anzi voglio affrettare le nozze, faccio tutti i preparativi. Arriva quel giorno, tutto perfetto, tutti perfetti. Solo io speravo che come nei film qualcuno venisse a prendermi davanti all'altare, non è stato cosi.Ho detto si, ed ho pensato basta con le scemenze adesso sei una donna sposata.Andiamo in viaggio di nozze, tutto apparentemente normale, salvo qualche litigata. Torniamo compriamo le cose x la casa e cominciamo a vivere insieme.Comincio poi a rimanere sola, lui non c'è mai per lavoro.Passo molto tempo sola, mi isolo e mi fa anche piacere. Comincio a chattare , sento il bisogno di cercare qualcuno, qualcuno che mi voglia bene, che mi tenga compagnia, che si innamori di me, che mi salvi, che mi porti via.Conosco tante persone, molte delle quali vogliono solo divertirsi, non glielo permetto, li allontano.Poi trovo un ragazzo che mi piace, non è della mia città ci sentiamo per telefono, lui vorrebbe incontrarmi ma so perfettamente cosa vuole eppure mi affeziono e tanto.Decido di allontanarlo lo so che per lui non è lo stesso.Soffro e decido di allontanaarmi dal mondo delle chat. Mi dico basta devo stare solo con mio marito, devo fare la brava moglie.Dura poco sento nuovamente il bisogno di ricominciare. Intanto cerco difare capire a lui il mio malessere ma non capisce , non vuole capire.Una sera sono sola e chatto al solito, conosco un ragazzo bello, troppo bello dalle foto mi dico nn sarà lui. E' lui invece lo vedo dalla web, cominciamo a parlare ,gli dico che sono sposata ma lui accetta lo stesso di parlare.E' una persona per bene lo intuisco subito, è garbato, educato e soprattutto sincero.Mi racconta la sua storia,è separato la moglie lo ha lasciato dopo un anno di matrimonio senza una spiegazione dopo 10 anni di fidanzamento. Mi rattrista qualla storia ,si sente che è una persona che ha sofferto molto.Mi affeziono a lui parliamo tuttii giorni, ormai parlo solo con lui e lui solo con me.Ci scambiamo i numeri di telefono, cominciamo aa sentirci.Mi chiede di andarlo a trovare a lavoro qualche volta.Penso tra me, non verrò mai da sola.Poi un giorno mi decido,voglio andarci, non so perchè ma mi fido.Piove a dirotto, ho quasi difficoltà a guidare ma non mi fermo, voglio vederlo di persona.Ci diamo appuntamento, lo aspetto in macchina , nervosa, impaurita.D'un tratto si accosta una macchina alla mia ,è lui.Mi dice di lasciare la macchina ed andare con la sua. Lo faccio, mi fido, seguo il mio istinto.Non riesco nemmeno a guardarlo in faccia per l'imbarazzo, prendiamo un caffè insieme, parliamo un pò e poi gli chiedo di riaccompagnarmi alla macchina ,è tardi per me.Ci sentiamo e mi chiede di rivederci, non so che fare devo inventarmi anche una buona scusa per uscire da sola. Ce la faccio, usciamo un sabato mattina,andiamo al bar, poi un giro in macchina. Parliamo,parliamo tanto mi racconta la sua storia, le sue sofferenze ma che ha cmq ormai superato.Ad un tratto mi chiede se gli piaccio ed io gli rispondo che è ovvio.Poi mi chiede ancora se sono felice, se con lui sto bene, non ho il coraggio di rispondere, faccio un gesto con la mano che vuol dire così, così.Mi guarda e mi chiede se può darmi un bacio,io rispondo no con la testa, si avvicina e ci baciamo.Lo volevo, eccome se lo volevo.Ci baciamo fino a che nn mi accorgo che è tardi ,devo andare.Durante la starda del ritorno mi prende la mano e me la tiene forte. Ci salutiamo e vado via. Ci sentiamo, ci mandiamo messaggi, non cè un attimo che non mi pensi. Mi chiede di vederci ancora, e ci incontriamo ancora,sempre in macchina.Lui mi dice che è contennto di avermi conosciuto, che mi pensa sempre, che è diposto ad aspettarmi.E' sincero, lo so, si vede.Appena posso scappo da lui, per vederlo anche per pochi minuti.Una notte sono da sola, ci vediamo, facciamo l'amore.E' stata la notte più bella della mia vita,capisco che non posso più stare con mio marito.L'indomani litighiamo e con una scusa me ne vado.Vado dai miei e dormo lì.Lui se la prende mi prepara dei vestiti e mi dice di restare dai miei.Resto lì ma loro vogliono che ritorni, non capiscono. Dopo giorni lui mi cerca, si rende conto che faccio sul serio e viene mi prega di tornare, ma io non posso.Allora si arrabbia, comincia a cercare sul pc, capisce che forse cè dietro qualcuno. Non trova praticamente niente, ma si arrabbia chiama i miei e gli dice che io chattavo anche la notte, che l'ha scoperto. Mi insulta davanti a loro e mi picchia anche. Glielo lasciano fare, non capiscono credono che me le meriti perchè una moglie certe cose nn le fa.Parto vado un pò da mio fratello che lavora fuori dalla sicilia, non mi aiuta nemmeno lui. Sono tutti contro di me, me ne dicono di tutti i colori, mi fanno sentire in colpa x tutto, per i soldi spesi x il matrimonio, per i debiti, x la vergogna di una figlia che si separa. E' un inferno, non so che fare.Voglio scappare non posso stare nemmeno dai miei.Torno a Palermo e mi fanno tornare a casa con lui.Resisto 2 giorni, poi scappo di casa.Vado dal mio amore, mi accoglie la sua famiglia, sanno tutto e sono felici di aiutarmi.Sto bene da lui, nonostante mi cerchino tutti,denuncino la mia scomparsa, mio padre sta male.E'un casino ma sono felice,finalmente sono libera e con la persona che amo. Mio marito mi cerca come un pazzo, tormenta le mie amiche perchè crede che sanno e non parlano.Alla fine chiamo mio fratello e mi convince ad andare da lui, per trovarmi un'alibi, per no far capire a mio marito che sn scappata con un altro.Accetto ma voglio che accettino anche questa nuova persona. Mi dicono che lo faranno, invece non è andata cosi. Parto, vado da mio fratello lui poi mi ragginge, non è accettato ci sono ostili. Mi rimandano a casa dai miei ingannandomi, dicendomi che avrei fatto la separazione e poi mi avrebbero lasciata libera. Non è cosi. Intanto trovo a casa mio marito e la sua famiglia, vogliono sapere dove sono stata, con chi. Mento, lui mi minaccia che controllerà, mi insultano.Lui intanto ha contattato un avvocato, ma l'ha fatto solo per spaventarmi, io prendo il mio e lui si infuria, no si aspettava facessi sul serio.I mie gli danno sempre ragione, gli dicono che loro nn sanno niente che ho fatto tutto da sola. Hanno paura di lui, non vogliono metterselo contro.I miei sanno la verità, pretendono che mi allontani da questa nuova persona, una sera vogliono toglirmi i telefoni, il pc, vogliono chiudermi a chiave, mi picchiano.Poi capiscono che è inutile e lasciano perdere.Ma fanno di peggio mi fanno sentire in colpa tutti i giorni, cerco di spiegare i motivi per quello che ho fatto ma niente.Mia madre odia questa persona dice che è tutta colpa sua, che mi ha usata, che nn sarò mai felice, che sn una fallita, una povera illusa, che avevo tutto e lo sto perdendo per niente.Provo a raccontare cosa è successo in tutti questi anni, non capisce, la colpa è solo mia ,non dovevo sposarlo.Adesso mi ritrovo chiusa in casa, senza macchina, senza poter uscire da sola perchè ho paura di lui, senza vedere le amiche perchè lui non vuole e lo assecondano, non vuole nemmeno vedermi affacciata al telefono perchè si arrabbia.Sto male, troppo male psicologicamente ed adesso comincio a star mele anche fisicamente. Non ho più le forze, non so quanto resisto.L'unica persona che veramente può aiutarmi lo tengono lontano, mia madre non vuole conoscerlo , non vuole saperne niente. Dice che se mi ama deve aspettare che divorzi e che poi mi sposi, pretende che restiamo lontani x tutti questi anni, che io devo comportarmi bene perchè devo salvare la faccia a lei e a mio padre davanti la gente e davanti ai parenti.A volte reagisco e mi arrabbio e le dico che nn posso stare qui alle sue condizioni e che presto andrò via. Lei dice che se me ne vado devo dimenticarmi che ho una famiglia, che non vorranno saperne più di me.Inotre ho paura che parleranno che diranno a mio marito che sono andata via con un altro.Ho paura per me e per questa persona, mio marito non si arrenderà, è pericoloso e loro non vogliono capirlo.Dicono che per loro non è come lo descrivo io.Ho bisogno d'aiuto e il mio nuovo copagno e la sua famiglia vogliono aiutarmi ,ma i miei genitori non glielo permettono.Ho preso appuntamento con una psicologa, perchè per loro ho qualche problema, e sicuramente l'avrò ma non quello che pensano loro. Spero che almeno questa dottoressa possa aiutarmi,magari facendolo capire anche a loro. Non so più che fare , sto male ,solo male e lui sta amle con me e peggio di me perchè non può aiutarmi.Ho bisogno di liberarmi dell'ombra di mio marito, una volta e per sempre, stavolta non voglio tornare indietro, non voglio privarmi della possibilità di essere felice e sto cercando di lottare ,ma non so fino a quando ce la farò.Scusate se sn stata troppo lunga ma nn si può capire se non si sa tutto dall'inizio.Grazie per avermi dato almeno la possibilità di sfogarmi.
3/24/2009 12:17 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 1,118
Post: 1,071
Registered in: 3/5/2006
Gender: Male
Presidente Associazione Fidelis Onlus
Veteran User
OFFLINE
Cara amica non puoi e non devi provarti di essere felice!! Tutti hanno diritto ad esserlo! La tua storia tocca le corde più sensibil del mio cuore, la trovo davvero triste e maledettamente reale nel suo susseguirsi!!! Ma siamo in sicilia e certe affermazioni risuonano nella mia testa prepotentemente come per dire: è così che funziona in questa amata ed amara terra.

Credo che la vita si debba vivere fino in fondo con coraggio e determinazione, l'amore non si baratta ne si compra, non si insegna ne si impara, si deve solo alimentare e vivere!

Adesso quindi tu vivi in famiglia e non più con tuo marito e i tuoi ti impediscono di vedere la persona che ami?

Ti verrebbe difficile venire allo sportello donna dove operiamo noi, si trova a Borgetto... Sarebbe molto più utile parlare di presenza ed iniziare un percorso. Magari con la scusa che devi andare dalla psicologa avvicini da noi...

Tienici informati e continua a scrivere!!!

Un abbraccio
Gae
3/24/2009 1:55 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 3
Post: 3
Registered in: 3/23/2009
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
si posso chiamarlo e ci parliamo anche con il pc. lui si che sarebbe disposto ad ospitarmi ma i miei genitori non vogliono che per il momento vada via da qui, mio marito verrebbe a sapere che sono andata via e loro non saprebbero cosa dire.io resterei anche qui ma se loro mi aiutassero e non facendomi restare chiusa in casa senza vedere nessuno. non posso resistere molto cosi.i miei genitori hanno paura che lui si vendichi anche con loro se mi aiutano,per questo lo assecondano. dovrei andare a casa di lui per prendere le mie cose ma non vogliono accompagnarmi dicono di lasciargli tutto e farmi mandare quello che decide lui.poi lui ha un'attività che è a nome mio,gli ho chiesto di togliermi dalla licenza ma ci vuole del tempo e loro temano che possa combinare qualcosa per mettermi nei guai e ne sarebbe capace. x questo avevo deciso di rimanere dai miei almeno finchè non mi liberi di questa licenza a nome mio(di un'attività che tra l'altro io non ho mai usufruito di niente tanto meno dei profitti,c'è solo il mio nome). ma non posso aspettare dei mesi in queste condizioni, non ci riesco, sto impazzendo a restare chiusa in casa.non vogliono saperne niente di questa nuova persona e non mi aiuteranno mai per poterla vedere.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag cloud   [show all]

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:54 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com


FORUM DI POESIE E RACCONTI