Ci sono tantissime cose hanno sconfitto lo scorrere del tempo, vieni a parlarne su Award & Oscar.
Nuova pagina 1

 

 

 

 

 

Menù rapido al Forum

RIAPRE IL CENTRO ANTIVIOLENZA ADID

 
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

malaui...

Last Update: 10/22/2007 10:40 PM
12/17/2006 3:51 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 233
Post: 13
Registered in: 3/6/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
Malaui Ieri sera ho visto in rai, un programma sulla situazione della gente in Malaui. Questa terra d'Africa dove l'eta' media nn arriva a superare i 40 anni, mi ha colpita, ed e' purtroppo simile a tanti altri posti che a noi sembrano "lontani", quindi nn destano eccessiva preoccupazione. Una panoramica sull'emergenza aids che uccide senza risparmiare nessuno, alimentata da una ignoranza terribile sull'argomento sesso ed uso sistemi adeguati di protezione. Una mentalita' fortemente maschilista, dove una ragazzina di 14 anni ha elevatissime probabilita' di ammalarsi, dato che la sieropositivita' colpisce un uomo su 3, ed il sesso viene praticato con la stessa leggerezza con cui si fa una partita a pallone da noi, passando da un partner all'altro senza riflessione.
La mancanza di risorse economiche, gli elevatissimi costi dei farmaci, che se anche nn risolvono, sono capaci di rallentare questo fiume in piena, stanno contribuendo alla distruzione di intere famiglie che nn sanno nemmeno di cosa stanno morendo..pazzesco... bloccate li' dove una poverta' consolidata nn permette di ridurre il diffondersi della "peste", ed il resto del mondo guarda. Ed ancora una nuova conferma di quanto valga di piu' il denaro rispetto alla vita. Ho visto attori di strada metter su scenette dove si faceva " educazione" alla gente, su come difendersi dal problema, con la distribuzione di preservativi e l'istruzione sul loro uso. Poi un ospedale dove in lettini sporchi, assenza di personale, pochissimi mezzi " tecnici", stavano aspettando la morte ragazzini di pochi mesi, donne giovanissime ed anziani completamente indifesi. Mi chiedo cosa stiamo facendo, noi che ci allunghiamo ingrassati dentro i nostri portafogli pieni. Paesi che si alimentano succhiando il sangue di questi popoli in balia di un destino che nn hanno scelto e nn sanno cambiare. Mi domando se la risposta da darmi sia sufficiente : meno male che vivo in Italia.....
Nn credo.
quando ho piantato il mio dolore nel campo della pazienza mi ha dato il frutto della felicità.k.g
12/20/2006 12:44 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 1,118
Post: 1,071
Registered in: 3/5/2006
Gender: Male
Presidente Associazione Fidelis Onlus
Veteran User
OFFLINE
Noi cosa stiamo facendo? bella domanda... Beh ti dirò forse siamo troppo impegnati a animare il sentimento belligerante dell'occidente, miliardi spesi per la morte e non per la vita, siamo troppo impegnati a dimenticare per non farci carico dei drammi lontani o forse, senza far demagogia, dovremmo un pò tutti imboccarci le maniche e compatibilmente con gli impegni della nostra vita dare un reale contributo affinchè storie del genere non vengano scritte più con il sangue della povera gente?


Si dice che le nostre radici sono cristiane, beh mi rendo conto che queste non sono più be ancorate alla madre terra e che gli ideali e i valori di questo cristianesimo, fatto di umiltà, fratellanza e solidarietà sono solo usati per scrivere grandi discorsi davanti alla platea politica...che tristezza...

Un abbraccio Sher e grazie

[SM=g27998]

Gae

2/10/2007 3:11 AM
 
Modify
 
Quote
Re:

Scritto da: diamantenegro 17/12/2006 15.51
Malaui Ieri sera ho visto in rai, un programma sulla situazione della gente in Malaui. Questa terra d'Africa dove l'eta' media nn arriva a superare i 40 anni, mi ha colpita, ed e' purtroppo simile a tanti altri posti che a noi sembrano "lontani", quindi nn destano eccessiva preoccupazione. Una panoramica sull'emergenza aids che uccide senza risparmiare nessuno, alimentata da una ignoranza terribile sull'argomento sesso ed uso sistemi adeguati di protezione. Una mentalita' fortemente maschilista, dove una ragazzina di 14 anni ha elevatissime probabilita' di ammalarsi, dato che la sieropositivita' colpisce un uomo su 3, ed il sesso viene praticato con la stessa leggerezza con cui si fa una partita a pallone da noi, passando da un partner all'altro senza riflessione.
La mancanza di risorse economiche, gli elevatissimi costi dei farmaci, che se anche nn risolvono, sono capaci di rallentare questo fiume in piena, stanno contribuendo alla distruzione di intere famiglie che nn sanno nemmeno di cosa stanno morendo..pazzesco... bloccate li' dove una poverta' consolidata nn permette di ridurre il diffondersi della "peste", ed il resto del mondo guarda. Ed ancora una nuova conferma di quanto valga di piu' il denaro rispetto alla vita. Ho visto attori di strada metter su scenette dove si faceva " educazione" alla gente, su come difendersi dal problema, con la distribuzione di preservativi e l'istruzione sul loro uso. Poi un ospedale dove in lettini sporchi, assenza di personale, pochissimi mezzi " tecnici", stavano aspettando la morte ragazzini di pochi mesi, donne giovanissime ed anziani completamente indifesi. Mi chiedo cosa stiamo facendo, noi che ci allunghiamo ingrassati dentro i nostri portafogli pieni. Paesi che si alimentano succhiando il sangue di questi popoli in balia di un destino che nn hanno scelto e nn sanno cambiare. Mi domando se la risposta da darmi sia sufficiente : meno male che vivo in Italia.....
Nn credo.



…..sono d’accordo con voi ragazzi!cosa stiamo facendo?..boh!
e pensare che abbiamo le risorse necessarie per sfamare due volte la popolazione
mondiale e che oltre il50% della ricchezza del mondo è concentrata nelle mani
di sole 500persone(o giù di lì,non vorrei sbagliarmi su questa cifra). Alcuni miei amici quando racconto loro che partecipo a incontri e conferenze su questi temi mi prendono per un esaltato,dicono che tanto è inutile perché non cambierà mai niente…non cambia niente se tutti la pensano come loro!da altri invece sento dire che è giusto così perché a noi conviene così,..meno male che all’università invece ho tanti altri amici che la pensano come me! L’altro giorno ho conosciuto un indio,un rappresentante della comunità Guaranì del Brasile,una persona eccezionale che si batte da 30anni per i diritti dell’Amazzonia e del suo popolo a costo della sua vita,ci insegnato delle cose affascinanti sulla sua cultura,...Quando finirò gli studi vorrei fare un lavoro che sia utile socialmente,che dia un senso alla mia vita…non sono credente,quindi il senso della mia vita lo devo trovare su questa terra. E di certo non lo troverò standomene chiuso in un ufficio o in una banca. Secondo me comunque è il sistema capitalista che è disumano,ha come unico fine il profitto!..voi direte che il comunismo ha fallito,ma ha fallito quello dell’Unione Sovietica,ed ha fallito perché negava le libertà individuali!..il modello migliore secondo me è quello tanto più vicino alla democrazia diretta e partecipata!..non so se siete a conoscenza della provincia autonoma del Chiapas in Messico e del movimento Zapatista,lì hanno realizzato qualcosa di simile,purtroppo i media non ne parlano mai…e il rischio che il governo messicano “legittimo” prima o poi utilizzi di nuovo la forza per riprendere il potere in quella zona non è escluso. Cmq quella piccola regione dovrebbe servire da esempio al mondo intero.
Ps. Sharon ma il programma a cui ti riferivi si chiama “C’era una volta” per caso? Lo hanno fatto sino a dicembre su rai3,un programma di Silvestro Montanaro,il miglior programma del palinsesto Tv,con dei reportages davvero di massima fattura.
Ps.del Ps. Ah scusata non mi sono presentato, mi chiamo Alessandro e sono un aspirante
Poeta di Fiori di pensiero,ho saputo l’esistenza di questo forum tramite Geneschys ,dato che anche lui scrive lì. Apprezzo tantissimo il nobile scopo di questo sito!
Un abbraccio!
Ale. [SM=g27985]

10/19/2007 5:45 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 3,228
Post: 15
Registered in: 10/17/2007
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
I tentativi di risposta, sono sempre frammentari e legati ad iniziative di volontari nei più disparati modi ma comunque inadeguati. Manca la volontà politica dei potenti sui vari fronti.
Al di la dei proclami, il tutto è basato sul potere economico, il resto passa in secondo piano. Potere economico, sinonimo di sfruttamento in ogni senso.Una delle vergogne più gravi è il problema delle terapie (vincolo del brevetto, causa di costi proibitivi) solo da poco si è incominciato a ridiscutere il problema.
L' Africa è un continente che stà morendo e non è un eufemismo.
Impotenza ma con la voglia di fare qualcosa: domani e dopo, ad esempio, c'è un campo farmaci: DUE giorni chiusi in un capannone, in cui si smistano farmaci per principio attivo, sacadenza, si contano, si impacchettano e si riempiono conteiner. Sono iniziative, anche piccole ma ora non abbiamo alternative. Ve ne sono mille altre più impegnative, ma mai risolutive...purtroppo. -gian-
10/20/2007 5:28 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 115
Post: 74
Registered in: 10/17/2007
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
anchio penso che la maggior parte delle persone non fa niente..ma ce n'è una piccola parte che si impegna tantissimo per migliorare la situazione!! ci sono tantissime piccole associazioni che si battono ogni giorno e con tutte le forze per far si che nn ci sia più l'80% delle risorse in mano al 20% della popolazione (italia, america ecc..)...ve ne posso dire molte xke è un paio d'anni che anchio ne faccio parte!! fra gli scout, il ser.mi.g e tante altre..non arrendiamoci alla situazione..lottiamo!! senza sacrificio non c'è vittoria (frase presa da un film)!!!
non importa quanto dai ma quanto amore metti nel dare!
10/20/2007 11:51 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 990
Post: 5
Registered in: 8/14/2006
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
Re:
Hai ragione giangi: "L' Africa è un continente che sta morendo" e aggiungerei "che fa morire".
C'è una cosa che gli africani hanno in abbondanza: le mitragliatrici.
Ecco quelle sono arrivate ovunque.
E quelle costano! Ma come le pagano?
Ma avete idea di quanta gente che porta aiuti in africa come ringraziamento vengono ammazzati? Quanti sono i missionari uccisi?
Quante tangenti bisogna pagare per portare un camion dalla costa al villaggio o all'ospedale a 100 km entro terra?
Alcuni ospedali non sono mai stati terminati.

Spesso non le vogliono le idee di libertà occidentali e quelli che credono di andare li e con il bla-bla di imporre a loro un'idea diversa si ritrovano prigionieri e noi poi a pagare la loro liberazione.

Con questo non voglio dire che non ci siano aree che offrono la possibilità di ricevere aiuti, ma voglio dire che è troppo facile riempirsi la bocca di buonismo e di critiche quando si sta comodi in un ambiente che ci sopporta.
Sul campo la lotta è ben più dura anche quando c'è riscontro positivo e diventa una cosa bellissima.
Diamantenegro ben lo sa, perchè lei agisce.
Un abbraccio

[SM=g27987]


*- E’ un’idiozia dire che si rispetta il pesce perché si fa del Catch & Release quando poi con quella scusa si va a maltrattarlo in periodo di riproduzione. -*
10/21/2007 5:26 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 3,228
Post: 15
Registered in: 10/17/2007
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
Grazie per avermelo fatto notare.
Lungi da me il negare che vi siano sanguinosi conflitti.
Le assurdità sanguinarie di chi detiene il potere locale.
Ma chi sono i fornitori, e perché...?
....bene, da ora in poi, seguendo il tuo pensiero, non faremo niente.
Così va meglio? -gian-
[Edited by giangi53 10/21/2007 5:39 PM]
10/21/2007 10:55 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 37,293
Post: 155
Registered in: 3/5/2006
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
Re:
giangi53, 21/10/2007 17.26:

Grazie per avermelo fatto notare.
Lungi da me il negare che vi siano sanguinosi conflitti.
Le assurdità sanguinarie di chi detiene il potere locale.
Ma chi sono i fornitori, e perché...?
....bene, da ora in poi, seguendo il tuo pensiero, non faremo niente.
Così va meglio? -gian-




Caro Gian, guarda che al giorno d'oggi, secondo me, si fa molto, direi troppo per l'Africa e non parlo delle chiacchiere ma dei fatti, se è vero che vengono ammazzati almeno 10 religiosi cristiani occidentali all'anno.
Loro invece del pane comprano i mitragliatori che non costano poco e mi chiedo con che cosa li paghino. Forse con i nostri "finanziamenti" o "estinzioni del debito", forse con il lavoro fatto dai bambini resi schiavi nelle miniere di diamanti o forse con il disboscamento delle foreste equatoriali. Certo che il mitragliatore e relative cartucciere a quanto pare ce l'hanno in moltissimi e mi chiedo quanti vaccini avrebbero potuto pagarsi.
E' vero anche che una loro religione è così evoluta che giustifica la violenza bruttale sulle donne se queste sono "bocconcini di guerra".

Per quando si faccia il possibile, e di più, caro Gian, c'è sempre qualcuno che urla che non si fa mai nulla (o forse LUI non fa mai nulla) per quelle zone in cui si ammazzano tra loro con i nostri mitragliatori o le nostre mine anti-uomo, ma anche li dove non hanno i mitra si ammazzano con il machete.
Personalmente a dire il vero preferisco inviare i miei aiuti in america latina solamente perchè ho qualche speranza in più che vengano utilizzati secondo la loro destinazione.
Ciao

[SM=g27985] Giancarlo

- Quando le parole hanno la musica dentro e la strofa è canto, allora il pensiero è diventato poesia.-
10/21/2007 11:19 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 4,466
Post: 827
Registered in: 3/10/2006
Gender: Male
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Vi è una differenza sostanziale fra coloro che in Africa detengono il potere da coloro che muoiono per colpa di questo potere...
Da una parte vi è la fame, dall'altra il denaro sporco di sangue... Mi sa che oltre a sostenere lo sviluppo di queste aree va combattuto l'atteggiamento violendo e omicida dei "signori della guerra".

Magari meno Irak e più Africa...


Saluti
Gae

10/22/2007 1:40 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 3,228
Post: 15
Registered in: 10/17/2007
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
Ho qualche difficoltà nel farmi capire. Quando si toccano questi tasti si innescano reazioni a catena, con gli accenti più disparati.
Non c' è solo l' Africa ad avere bisogno, vero; qui però si stava parlando di una questione inerente ad essa. Acquisto d'armi, conflitti tribali, bambini soldato....,tutto vero, ma a farne le spese la gente inerme....:non bisogna dimenticare che ci sono compiacenti fornitori di armi....perché?
Il mio pensiero è per chi, inerme, si trova nel mezzo e non ha voce e/o mezzi per sopravvivere. -gian-
10/22/2007 2:04 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 4,466
Post: 827
Registered in: 3/10/2006
Gender: Male
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Infatti sono daccordo con te gian il dramma lo vivono solo coloro che non hanno voce, se non quella del lamento!

Basterebbe solo puntare il dito sulla causa e non soltanto sull'effeto... prevenire è sempre meglio che curare... allora sono pienamente allineato al pensiore di Giancarlo, sono inutili gli aiuti che arrivano meno che dimezzati, finanziando così, per la maggior parte dei fondi che rimangono le mani assassine di coloro che si arrichiscono!

I governi mondiali dovrebbero davvero attivarsi, ma ho paura che non vi sia davvero interesse e a pagarne le conseguenza sono come sempre coloro che per amore e con amore donano tutta la loro vita per gli ultimi del mondo!

10/22/2007 10:40 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 37,293
Post: 155
Registered in: 3/5/2006
Gender: Male
Junior User
OFFLINE

Il mio pensiero è per chi, inerme, si trova nel mezzo e non ha voce e/o mezzi per sopravvivere. -gian-


D'accordissimo! Anche il mio pensiero è per loro.

Ma ti assicuro, Gian, che è demoralizzante quando hai contribuito con entusiasmo per un ospedale che doveva sorgere in Africa, e poi scopri (per testimonianza diretta) che le risorse sono finite quasi tutte in mano ai guerriglieri i quali, armi in pugno, fermavano i camion e chiedevano tangenti e tangenti, anche tre o quattro gruppi in cento chilometri, e così l'ospedale si è fermato alle fondamenta o poco più.

E' desolante vedere che là dove c'è la foto di un bambino che piange, dietro due passi vedi spuntare un pezzo di cartucciera o il calcio di un fucile.

Ovviamente, e per fortuna, non tutta l'Africa è così e Diamantenegro riesce a fare del bene senza cadere in quelle situazioni che prima accennavo ed è in gamba, senza dubbio. [SM=g28002]

[SM=g27985] Giancarlo

- Quando le parole hanno la musica dentro e la strofa è canto, allora il pensiero è diventato poesia.-
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag cloud   [show all]

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:11 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com


FORUM DI POESIE E RACCONTI 

  

Cerchi un Tracker Gps per la tua azienda? Con Intelligent Tracker puoi monitorare la tua flotta e molto altro.