Nuova pagina 1

 

 

 

 

 

Menù rapido al Forum

RIAPRE IL CENTRO ANTIVIOLENZA ADID

 
 
Previous page | 1 2 | Next page
Print | Email Notification    
Author

Riflessione per Micol da !dolphin!

Last Update: 2/26/2007 4:56 PM
11/8/2006 8:02 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
riflessioni
ciao micol
sono entrata per la prima volta oggi in questo sito e mi ha colpito molto ciò che hai scritto....
per 10 anni della mia vita sono stata violentata brutalmente tutti i giorni e i festivi anche 2 o 3 volte al giorno,ho passato la mia infanzia a cercare il modo per non fare vedere a nessuno ciò che mi succedeva,e la mia adolescenza a vivere due personalità quella con i miei amici e quella in casa.mi sono sposata giovanissima convinta forse di sfuggire alla mia realtà,ma mi sbagliavo,lui mi aveva in pugno e faceva di me ciò che voleva.mio marito non sapeva niente ed io ero diventata molto abile nel tenere tutto nascosto.sono diventata madre e i miei figli sono la mia ragione di vita,ero succube di mio marito ma apparentemente tutto filava liscio.poi un giorno ho scoperto che colui che abusava di me aveva cominciato a farlo anche coi miei figli,ero disperata,ma decisi,pur essendo terrorizzata,di fermarlo.ne parlai con mio marito ma invece di aiutarmi mi trattò come una prostituta e si allontanò sia da me che dai bambini,e rimasi sola...cosa potevo fare,a chi mi potevo rivolgere per aiutare i miei figli????mi sono rivolta a una psicologa infantile e da quel giorno si è messa in moto una macchina più grossa di me.il mio unico obiettivo era quello di allontanare quel mostro da me e dai miei figli e di ridare serenità a loro,ce l'ho fatta,non ti nego che è stato faticoso e che ho dovuto fare tutto da sola,lo stato mi ha abbandonata gli assistenti sociali non potevano fare molto il mio ex marito se ne frega dei suoi figli devo lottare tutti i giorni per crescerli da sola, ma li vedo sereni e se anche l'aver parlato,l'aver messo alla luce del sole la mia storia mi ha portata ad essere sola,il loro sorriso mi ripagha di tutto.ho ancora tanta paura di lui e a livello psicologico mi ha ancora in pugno,ho perso la fiducia nelle persone e nelle istituzioni,ma ne ho acquistata in me ed è questa che mi ha portata ad aiutare i miei figli.non ho avuto il coraggio,come te,di scrivere tutto ciò che mi ha fatto il "mostro",non so neanche perchè ti ho scritto,ma tieni duro,stingi i denti e aiuta i tuoi figli a vivere una vita serena.ciao
11/9/2006 12:09 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 4,466
Post: 827
Registered in: 3/10/2006
Gender: Male
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Carissima Amica

Grazie per aver scritto in forum aprendo il tuo cuore e lasciando scrutare i tuoi pensieri.
La tua forza nel rivendicare la tua dignita e quella dei tuoi figli è di grandissimo aiuto per tutte coloro che ancora vivono drammi silenziosi immersi nella disperazione.
Sono commosso per il coraggio e l'amore profondo che ti hanno spinto a spezzare quelle catene che rendevano la tua vita un inferno. Adesso è a te, oltre che all'amica Micol, che va il nostro sostegno e il rinnovato affetto per quello che fate, per quello che siete e che rappresentate.
Sembra poco, ma la storia che hai raccontanto riesce a scuotere le coscienze di ogni singolo individuo e ci riportano all'importanza che DEVE avere il rispetto e la dignità della persona.
Rinnova dentro di te questa forza, che spero non venga mai meno per affrontare gli eventi della vita. Non disperare mai giacchè la luce della speranza non cessi mai di illuminare il tuo percorso e quello dei tuoi bambini. Il tuo gesto vi ha strappati da una sofferenza ancor più grande e atroce, adesso anche se carichi di problematiche puoi benissimo gridare al mondo di essere libera dal terrore della violenza.
Infine ti ringrazio con tutto il cuore per la testimonianza che hai reso a tutti noi, piccoli coltivatori di speranza, fratellanza e amore, son felicissimo di accoglierti in questa famiglia virtuale.

[SM=g27998]

Grazie ancora
Gae

[Modificato da Geneshys 09/11/2006 0.11]

11/9/2006 5:43 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
Ciao dopo la tua riflessione, a me sono partiti mille pensieri. Non mi sento di aver aperto il mio cuore ma di aver raccontato una piccola parte della mia esperienza. Il passo più grande da fare per poter veramente girare a testa alta non l'ho ancora fatto. Ho tagliato le catene fisiche che mi legavano al mio "mostro", ma non quelle psicologiche come già avevo detto. Questa è la cosa più difficile, sia per me che per i miei figli, e questa è la cosa più difficile da spiegare a tutte quelle persone che si chiedono come mai una donna che subisce violenze continua a rimanere vittima del proprio carnefice. Ho letto la storia di Micol per caso, sfogliando il forum di Torey Hayden ed inevitabilmente ne ho letto anche i commenti in cui si chiedono come si possono aiutare le persone che non si vogliono far aiutare e come è possibile che una donna continui a subire senza fare nulla. Il problema è più grande e complesso di quanto le parole possano descrivere. Purtroppo si crea un legame molto forte tra la vittima e il carnefice che si basa prevalentemente sulle paure. So che è difficile sentir dire che mi manca il carnefice, ma è ciò che succede, perchè per quanto sia atroce e terribile è una realtà che si impara a conoscere e a gestire e più il tempo passa più è grande la paura di peggiorare la situazione e più diminuisce la forza di sfuggirne. E' assurdo per chi non lo ha vissuto, ma se lo assecondo e non mi ribello è più probabile che il male che fa non aumenti. Ma se si cerca di allontanarsi poi cosa succede? Riuscirò ad allontanarmi abbastanza rapidamente da evitare che possa riprendermi e poi farmela pagare? o la paura che possa accadere alla fine mi faccia tornare indietro per cercare di evitare danni peggiori? Sono tante le domande di questo tipo che poi ti frenano dallo sfuggire, la paura che possa essere peggio, la paura che il suo male vada oltre a quello che già conosco e "gestisco". Ho ignorato queste domande, accantonato la paura per amore dei miei figli, ma vi assicuro che se lui non avesse rivolto le sue intenzioni malate anche a loro, sarei ancora lì. Ho "distrutto" la mia vita per salvare i miei figli,ho perso tutto e tutti,ma sono lo stesso contenta perchè ho evitato ai miei figli ciò che è successo a me,ma so che lui mi ha ancora in pugno.Il suo farsi vedere sotto casa mia,incontrarlo in posti non abituali a lui,il suo sorriso beffardo,ma soprattutto il mio terrore ogni volta che lo vedo mi fanno capire che prima o poi mi riavrà....nessuno lo ha fermato,ho dovuto fingere un mio benessere interiore per non farmi portare via i bambini dagli assistenti sociali,ho dovuto lottare con me stessa per apparentemente dimenticare tutto,devo,dovevo trasmettere tranquillità ai miei figli e ai servizi sociali,e questo mi ha portato a smettere di raccontare di me perchè a chi mi stava davanti faceva male sentire simili cose o addirittura non capiva come mai non l'avevo detto prima.Sono poche le persone che vogliono ascoltare e rare le persone che ti vogliono aiutare,ma la cosa peggiore è che chi ti deve aiutare(lo stato e i servizi sociali)ti penalizza nelle tue debolezze,e alla fine paga la vittima e non il carnefice.
11/9/2006 8:52 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 840
Post: 840
Registered in: 3/8/2006
Gender: Female
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Cara amica, innazi tutto ben venuta nel nostro Forum e grazie per aver voluto condivedere con noi un frammento doloroso della tua vita.Non riesco ad esprimerti lo stato d'animo che ha accompagnato la lettura del tuo post. E' crudele quello che ti è accaduto e lo è anche l'aver solo pensato, per il tuo carnefice, di fare la stessa cosa ai tuoi figli. Rispetto il fatto che tu non voglia rivelare l'identità di questo mostro anche se non mi viene difficile immaginare il legame di parentela.Una delle cose che mi fa più rabbia è, per l'ennesima volta, leggere nelle parole di chi soffre solitudine. le vittime di violenza, stranamente e per assurdo, restano quasi sempre sole a lottare per la loro serenità e libertà di vita. Io non posso e non voglio credere ciò. Ma dove sono in tutto questo le istituzioni ed i servizi sociali, gli operatori che hanno il dovere di prendersi cura di voi, in tutti i sensi.
Cara amica la sola cosa che posso dirti è che in questo Forum troverai sempre delle persone pronte ad ascoltarti, a capirti , a sostenerti nei tuoi momenti più difficili. Tu ci hai aperto un pezzettino del tuo cuore, adesso noi ti apriamo il nostro [SM=g27998] il quale non verrà mai meno, siamo abituati a lottare per le cose in cui crediamo, quindi sappi che da oggi hai dei nuovi amici (virtuali), pronti ad esserci sempre.Quando e se lo vorrai potrai sempre contare su di noi, un abbraccio per te ed i tuoi figli, a presto......
11/9/2006 10:39 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 4,466
Post: 827
Registered in: 3/10/2006
Gender: Male
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Credimi hai aperto parte del tuo cuore raccontando la tua esperienza di vita... Forse sembrerà strano ma mi sento di poter dire che oltre le parole ognuno di noi riesce a sentire il battito del cuore di chi scrive. Noi non facciamo parte di coloro che si gonfiano di parole per poi lasciarle vuote ed insignificanti. Ti prego solo una cosa, permettici di essere tuoi AMICI e compagni di viaggio,un cammino lungo e faticoso ma ma percorso in compagnia e nella condivisione esso diventa più leggero e dolce.
Oggi sono entrato in contatto con Micol parlando della tua storia e lei ha voluto che ti rigirassi questo messaggio:

"Ti sto accanto con il mio cuore che so bene che il difficile non è fare il primo passo ma cancellare ciò che loro incidono nell'anima, e nella mente... Prima o poi tornerò nel sito e ti accompagnerò da li, per ora ti posso stare accanto con il mio cuore ma se hai bisogno sono qua"

Concludo dicendo che qualora lo vorrai troverai nelle nostre mani un continuo abbraccio e nel nostro cuore un tuo sicuro approdo...

Grazie ancora
Gae

[Modificato da FidelisAdmin 09/11/2006 23.36]

11/12/2006 3:45 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
grazie di cuore per ciò che evete scritto,ringrazio anche Micol per il messaggio che mi ha mandato.Mi sembra strano avere delle persone che mi ascoltano su questo argomento,ma mi sembra ancora più strano che io ne parli con persone che nemmeno conosco.è vero le istutuzioni e i servizi sociali non fanno niente,con me non hanno avuto neache bisogno di parlare,il loro "obiettivo"era tutelare il minore in che modo devo ancora capirlo.io ho paura di parlare di raccontare,ho paura di essere giudicata un'incapace,mi sento in colpa verso i miei figli perchè potevo evitargli simili sofferenze(anche se sono arrivata abbastanza in tempo)ho paura di trasmettere a loro le mie fobie le mie paure,e forse è per questo che mi tengo tutto dentro.Lotto sempre contro me stessa per impormi di far fare a loro una vita normale,ma se fosse per me li metterei in una campana di vetro.Mi chiedo spesso se ho fatto bene,a suo tempo,a chiedere aiuto forse dovevo prendere su i miei figli e scappare lontana,sicuramente avrei avuto molto meno problemi,vedo ora i miei figli felici e sereni,ma che fatica!anche io vorrei una vita normale,non dico perfetta,ma forse come hanno tutti mi basterebbe.......grazie ancora,ciao
11/12/2006 9:10 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
è tutto oggi che penso,o per lo meno io cerco di non pensare ma non ci riesco,ho lottato non so quanti anni per cancellare dalla mia mente il mio passato,e c'ero anche riuscita tante cose avevo dimenticato,soprattutto della mia infanzia e gran parte dell'adolescenza,tante cose sono riaffiorate quando "lui"si è dirottato sui miei figli,ma tante sono rimaste sepellite,non pensare non fa soffrire.....spesso in questi anni mi sono fatta mille domande ma non trovavo risposte;poi ho cominciato a leggere questo forum,la storia di micol mi ha colpita ma non credevo cosi tanto,oggi ho letto ciò che mi avete scritto e la mia testa ha cominciato a frullare...ora ho il fiato corto sudo freddo e ho uno stato d'animo pessimo i miei ricordi vanno indietro nel tempo,cavolo l'avevo dimenticato,ero una bambina avevo 10 11 anni "lui"mi copriva già di attenzioni speciali già da un paio d'anni,nella mia famiglia ognuno pensava a se stesso,l'unico altruista(nei miei confronti)era "lui" e io non sapevo come fare anche perchè la mia testa mi diceva che aveva ragione lui,non mi faceva niente di male,e mantenevo il segreto.Comunque quel giorno chiesi ai miei se potevo andare il giorno dopo a casa della mia vicina per la festa del suo compleanno,mi dissero di si allora mi organizzai per andare nel cortile con gli altri ad organizzare il tutto.Quando arrivai giù per le scale arrivò lui,mi disse di andare in cantina con lui,io non volevo perchè dovevo organizzare la festa,ma mi obbligò,lo vidi per la prima volta arrabbiato.Mi trascinò giù in cantina,volevo urlare cosi arrivava il mio babbo ma non ci riuscivo,"lui"mi legò mani e piedi e mi mise della roba in bocca,ero terrorizzata,mi spogliò e mi fece di ogni,concluse i suoi giochetti con una bottiglia,me la infilò,non ricordo altro se non il male allucinante quando finì di divertirsi mi lasciò li legata,mi minacciò di farmene passare di peggio se solo avessi fiatato,mi disse che aveva dovuto comportarsi così perchè ero stata cattiva a rifiutare di stare con lui visto tutto quello che faceva per me.Rimasi li zitta immobile,ricordo che cercavo di non pensare al dolore immaginandomi le festa del giorno dopo,ho saputo quanto tempo era passato solo quando mi è venuto a slegare,dicendomi che ci aveva già pensato lui a spiegare ai miei il mio ritardo per la cena,mi sentii sollevata....andai in casa,mamma e babbo erano arrabbiatissimi,mi avevano cercata tutto il giorno,erano convinti che fossi in cortile,e non trovandomi si erano preoccupati,fortuna,mi dissero,avevano chiamato "lui" che mi aveva trovata da tutt'altra parte a divertirmi con dei balordi....tentai di spiegare a loro la verità ma lui era l'adulto e a lui credevano,non mi fecero neanche parlare perchè ero una bugiarda e avevo tradito la loro fiducia per punizione non mi mandarono alla festa.Il giorno dopo a scuola stavo poco bene avevo male in mezzo alle gambe lo dissi e chiamarono mia mamma che era a lavorare,e mandò "LUI" che spiegò al prof ciò che era successo il giorno prima e che i miei visto il mio comportamento ribelle mi evevano messa in punizione e che quindi secondo lui le mie erano tutte scuse per commuovere i miei,e il prof gli credette facendomi la ramanzina davanti a tutta la classe.Quel giorno capii che non mi avrebbe creduto nessuno perchè "lui"era l'adulto che mi badava l'adulto stimato da tutti che mi cavava sempre dalle cattive strade.....ecco scritto senza accorgemene ma forse ho trovato una risposta a uno dei tanti miei perchè......
11/13/2006 3:47 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 4,466
Post: 827
Registered in: 3/10/2006
Gender: Male
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Cara amica, ti chiamo !dolphin! ma preferirei chiamarti con il tuo nome reale, per rendere questo virtuale meno ombroso di quello che appare.
Non so se devo sentirmi in colpa per averti fatto riprendere coscienza dei tuoi vecchi e rimossi ricordi, ma credo che il non ricordare sia come una sorta di crosta vulcanica che nasconde sotto il suo manto fiumi di lava incandescente... Riuscire a parlare di cosa ha reso la tua vita un inferno,a mio avviso, serve per rimuovere il velo di consapevole rimozione e prendere coscienza di quel dolore nascosto per cercare di sconfiggerlo alla luce del giorno.
Cercare di dimenticare può anche far bene per lunghi anche lunghissimi periodi,ma ciò che cova dentro non è cancellabile ed arriverà un momento che questa bomba ad orologeria scoppierà devastando ancor più ciò che sei...
Lottare con se stessi e con le proprie paure, con i propri ricordi, può aiutare almeno a rendersi conto che puoi essere padrona del tuo dolore e di poterlo sconfiggere...
Alimentare ciò che ci rende forti!!! i figli, l'amicizia, la vita, l'amore, queste sono le cose che ci rendono invincibili verso le nostre paure, le nostre angosce...
Non smettere mai di parlare, di dar voce a quella luce che ancora vuole, deve illuminare il tuo cammino e quello dei tuoi figli... Non ti abbattere mai, per non rimanere sconfitta la seconda volta...sii sempre un buon soldato pronta a costruire trincee per la tua salvaguardia contro il nemico, ma lotta a viso scoperto, solo così dominerai le tue paure e i tuoi sensi di colpa...Noi dal nostro canto saremo con te dentro quella trincea...

Un abbraccio
Gae

[Modificato da Geneshys 13/11/2006 10.59]

11/13/2006 2:51 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
le istituzioni dove sono?!?
scusa non avevo pensato a scrivere il mio nome,mi chiamo morena,forse è vero,parlarne rafforza,ma nella mia vita non ho mai avuto chi mi ascoltava su questo argomento,e addesso anche se c'è chi mi ascolta non riesco a parlare,ma la cosa peggiore è che non riesco a ricordare,sento i pensieri che arrivano su ma automaticamente si bloccano a metà stada.Ieri mi è venuto su quel ricordo,ho sentito il bisogno di scriverlo,ma già oggi è un ricordo annebbiato,ho poche certezze nella mia vita:i miei figli e la loro serenità,e lo stare zitta fingere che tutto vada bene.Forse un giorno la bomba esploderà,e per me sarà un disastro ma so che esploderà quando i bimbi saranno grandi.Ho parlato con voi,mi fa piacere averlo fatto,ma che cosa risolvo a parlarne?fino addesso il mio parlare mi ha portato guai e solitudine e ho paura,e più parlo più la paura aumenta.prima l'ho visto,era davanti a me in uno sportello non mi ha detto niente ma mi ha fatto vedere una foto recentissima dei miei figli ripresi in momenti diversi,mi sono spaventata,so che lui lo fa apposta per spaventarmi ma io ho paura lo stesso.lo stato ha fermato me non lui....ciao
11/15/2006 2:22 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 840
Post: 840
Registered in: 3/8/2006
Gender: Female
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Carissima amica, so che ricordare ti sta facendo molto male, ma ne sentiresti molto di più continuando a celare dietro ad una falsa immagine di serenità tutto il dolore che questo mostro ti ha arrecato. Lo so che all'inizio parlarne può sembrare poco, ma ti assicuro che piano piano, ricostruendo insieme a noi (solo se tu lo vorrai)il tuo passato, ritroveremo ogni singolo tassello della tua vita, che ci permetterà, ricostruendo tutto il mosaico, di dare vita, o meglio aiutarti a dare vita ad una nuova Morena, forte e certa di poter vincere la sua battaglia, di lottare affinchè gli venga data giustizia, e che non nasconda più il proprio dramma per paura di cadere lei stessa vittima dei suoi stessi problemi agli occhi della legge. Io non voglio credere che i servizi sociali non si preoccupino di andare a fondo nelle storie di questo tipo, non posso neanche pensare che la legge non faccia di tutto per tutelare non solo i minori ma anche l'adulto che farebbe di tutto per restare con i propri figli. La sola cosa che posso dirti è che, da parte nostra, riceverai sempre una mano d'aiuto, un consiglio, un appoggio morale, la presenza costante in ogni passo vorrai fare insieme a noi. Non devi mollare, hai diritto, così come chiunque altro, a vivere una vita serena, senza paure continue e dubbi perenni. Credici con tutta te stessa, un abbraccio
11/15/2006 12:09 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
ci provo
grazie al vs aiuto ci sto provando ma è dura e non so se ne ho le capacità.ma per i miei figli e anche per me ce la metterò tutta,ciao e grazie
11/16/2006 12:56 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 2,286
Post: 42
Registered in: 4/14/2006
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
A Morena
Ciao Morena,leggo e rileggo il tuo scrivere, ed in questo perfetto silenzio della notte,mi pare di sentire i singhiozzi del pianto di notti passate in bianco,respiri fermati alla gola dal terrore,ma dal tuo sottile e acuto aprirti, sono lieto e provo una grande stima per il tuo coraggio, per il primo passo fatto all'apertura con chi non conosci, ma stanne certa con una sensibilita' ed un amore per l'essere umano, che è certamente guidato da mano celeste,ho seguito e sofferto tutto il cammino di Micol,e passo dopo passo l'anno accompagnata su strade sicure,con sommo rispetto della dignita' e della sensibilita' della persona,strappando i primi timidi sorrisi, fino alla liberazione da una schiavitu' fisica e mentale che non poteva reggere al cospetto umano.
Come uomo anche a te chiedo scusa,mai e poi mai si possa immaginare di ledere un'anima pura, giovane e perpetrare nel tempo a donna che è madre,degna di rispetto assoluto come essere umano.
A te grazie di essere qui, grazie del tuo pensiero per Micol, grazie di...resistere e credi, c'è sempre una via di fuga.
Ogni mattino del mondo un mio pensiero andra' ai tuoi figlioli ed a te, affinche'possiate sorridere sereni.
Un caro saluto, Luciano. [SM=g27998]

11/16/2006 10:35 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
ciao luciano,grazie le tue parole mi hanno di nuovo confermato che siete persone che credete in ciò che fate e dite.perlare con voi non nego che mi mette in crisi,ora di notti insonni ne sto facendo tante,arrivano i pensieri i ricordi,ma c'è qualcosa più forte di me che li caccia.non nego che nel corso degli anni la diffidenza verso tutto e tutti è aumentata e si è consolidata,ho solo fiducia nei miei figli e nell'amore immenso che provo per loro,ed è per loro che ho deciso di faremi aiutare non so come,perche oggi piu che mai mi sento barricata,ma ci provo ce la sto mettendo tutta.ciao e grazie
12/24/2006 10:29 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 145
Post: 135
Registered in: 12/21/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
...
ciao Morena io sono Micol come sempre chiedo scusa quando entro nella vita privata altrui,ma vorrei poter far si che le mie mani ti guidino in un cammino buio che io già conosco bene.
Ho letto la tua storia,dire mi dispiace per quello che hai passato è una goccia nel mare,ma ora sono qua e se mi vorrai al tuo fianco cammineremo insieme...
faciamo un passo alla volta,leggendoti scorgo la stessa mia voglia di mettere apposto tutto in pochi istanti,il desiderio di riordinare tutti i ricordi per bene come dei libri su uno scaffale,per poi poter chiudere con ciò che ci ferisce,ma la mente l'anima e il cuore nn funzionano così..
perchè nn si parla di queste cose Morena? iperchè sono molti,si ha paura che quando si racconta colui che ci sta difronte nn sia pronto a ricevere i frammenti del nostro dolore o peggio lo derida,lo banalizzi.o ci renda colpevoli perchè si siamo adulte e perchè mai delle donne adulte con l'uso della ragione restano con uomini violenti,la risposta a questa domanda è per molti fatalmente semplice perchè gli piace e cosi come un fulmine diventiamo noi stesse le cause del nostro dolore...beh credimi tutti questi discorsi Morena servono solo a tacitare coscienze di persone egoiste che nn vogliono mettere in pericolo le loro belle e serene vite per allungare una mano e sorreggere un loro fratello..
parlarne Morena in un luogo protetto come questo,aiuta la nostra mente a riacquisire ogni pezzo del puzzle e a dare la vera forma del quadro generale,dove i ruoli sono ben distinti e dove tu sei la vittima e lui il colpevole..quando questo quadro sarà ultimato allora potrà trovare il giusto posto nel tuo passato e diventare base forte per il tuo futuro e quello dei tuoi figli..
io come te nn ho ancora tutti i ricordi completi,spesso riafiorano durante l giornata sotto forma di flash,basta un qualcosa,una voce,un suono e tornano alla mente per poi restare solo come un ricordo in mezzo alla nebbia e dentro di te restano le sensazioni di quei momenti..
allora ho imparato a fare una cosa Morena ad affrontare una cosa alla volta e nel momento in cui sono pronta,anche nelle cose più banali di tuti i giorni,come mangiare ,uscire,cerco passo dopo passo di togliere dalle sue mani un pezzettino di quel telecomando che gli permetteva(e ancora purtroppo molto)di controllare la mia mente.
Lui si fa vedere nei luoghi che frequenti tu solo perche ha capito che n ti può più avere e gioca la sua ultima carta quella della paura..bene lascialo fare ma se tu gli mostrerai che hai paura farai il suo gioco e lui vincerà,invece tu devi(e so quanto è difficile credimi)alzare il tuo sguardo e fissarlo dritto negli occhi in quel momento scriverai nel suo sguardo la tua di forza fagli vedere che ora il telecomando lo hai tu nelle tue mani anhe se so che nn è facile anzi,in quei momenti prende il sopravvento la paura,vorresti scappare ma nn ci riesci,e i ricordi dettano legge sulla tua mente..ma devi cominciare a reaggire e a togliere dlle sue mani questo potere...
fino a poco tempo fa Morena venivano a bussarci nel cuore della notte alle 2 alle 3,una notte si svegliò mio figlio più grande e da allora n va a letto se nn chiudo tutto a chiave,se avessi chiamato la polizia nn avrebbero fatto niente perchè nn avrei avuto le prove,cosi mi sono stufata e ho srcito un boiglietto fuori dalla porta che diceva cosi la prossima volta che bussate fatelo piano perchè si svegliano i bambini e che se credono che basti bussarmi la notte per farmi ritirare tutto che continuino pure ad illudersi.. dopo questo biglietto nn hanno più bussato..
so bene Morena che le istituzioni nn ci sono,sto vivendo i tuoi stessi problemi,ma la polizia quella si che c'è perchè nn provi a parlare con un funzionario di polizia cosi per informarti cosa potresti fare visto che ti perseguita fuori..informarti nn costa nulla...ma anche se le istituzioni nn ci sono nn smettere di lottare,comincia a sbattere qualche porta,salta i servizi sociali e va dal sindaco come ho fato io vedrai come si muovono..
perchè nn stai lottando solo per te stessa ma i tuoi figli hanno diritto di avere una madre serena,e so bene quanto pesi alzarsi la mattina con il sorriso sulle labbra per loro ma morire dentro e cercare un equilibrio fra il dolore che ci distrugge e la vita di mamma dove il dolore nn deve interferire sull'amore per i figli..
ora devo andare Morena ma tornerò presto,rifleti su ciò che ho scritto perchè a parlarti è una ragazza che sta affrontando in questo momento i tuoi problemi,e ti parla con il cuore di chi soffre come te,per ora ti abbraccio e ti stringo nel mio cuore..ricordati combati combati sempre perchè solo cosi ha un senso vivere... unite nella lotta Micol


12/24/2006 8:16 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
grazie
ciao micol è stato un piacere aver letto le tue parole,anche se non ti nego che mi hanno fatto venire una stretta al cuore.sai tutto ciò che ho passato mi ha portato ad avere mille problematiche,con la separazione e via dicendo dove io comunque soccombo sempre perchè è così che sono cresciuta.grazie all'aiuto di ines e gae sto risolvendo tante cose di cui prima non avevo il coraggio,riesco a fere valere i miei diritti con i servizi sociali e con il mio ex,ma credimi non riesco ad affrontare il mio passato e ciò che è successo ai miei figli,da quando ne ho parlato con ines i ricordi arrivano come valanghe ma fanno male,arrivano le paure e i perchè,ma sopratutto mi chiedo come ho fatto a sopportare tanta atrocità,mi chiedo anche se io ne sono stata la causa se è colpa mia insomma sono avvolta dai sensi di colpa,ultimamente mi sono chiesta se lui tornasse cosa faccio?l'unica risposta che mi viene su è accetto,forse è il male minore.finalmente dopo anni sono riuscita a farmi ascoltare dagli ass sociali,finalmente sono riuscita ad ottenere dal mio ex ciò che mi deve,ma non ho ancora trovato nessuno che non mi guarda schifato quando dico che le mie cicatrici sono state causate da un pedofilo,nessuno vuole ascoltare certe cose e se ti ascoltano ti giudicano e condannano.io tre anni fa ho avuto il coraggio di mettermi davanti ai miei figli,attraverso i servizi sociali lo ho denunciato ma ho ottenuto solo sofferenze solitudine e pregiudizi e persi anche il lavoro,lui invece è libero di fare ciò che vuole.grazie micol delle tue parole,so che tu mi capisci.a presto,un abbraccio ciao
12/24/2006 10:01 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 145
Post: 135
Registered in: 12/21/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
cara Morena con me nn serve il grazie quando si condivide come ora è un donare reciproco un insegnare e un imparare a due vie..
so benisimo quali sono le problematiche MNorena le sto vivendo ora,so che nn è facile ottenere ciò che è di diritto nostro dalle cose prtiche ,come il mantenimento ,alle cose sacre come il rispetto del nostro dolore...dopo la denuncia di luglio lui ha fatto in modo di fare piazza pulita attorno a me di tutti i nostri amici,mi hanno risposto sai lui dice che ecc ecc ecc e tu nn hai armi per controbatterlo,tu ti chiedi cosa faresti se lui tornasse Morena? be se mio marito tornasse io prego di rimanere viva per portare avanti la mia battaglia...
Ti posso assicurare che sono solo i primi mesi i più duri,quando inizi veramente a lavorare su te stessa per riordinare il tuo passato,ma più il tempo va avanti e meno è la fatica che farai,e sostituirai quei sensi di colpa e quelle paura con una visione più obiettiva e dirai a te stessa sono stata brava dall'inferno ho saputo coltivare una bella ragazza e ho saputo proteggere e far sbocciare i miei figli.
anche io spesso ancora adesso ho bisogno delle mani di gae ines e luciano...quando sono terrorizzata perchè l'ho visto e mi ha minacciata,quando sento di nn farcela mi agrappo alle loro mani perchè so di averne ancora bisogno,ho bisogno del loro abbraccio protettivo Morena prchè in quanto essre appena uscito dalla crisalide le mie ali sono ancora fragili e delicate e loro mi danno quell'angolo protetto dove poterle rinforzare,ma nn posso aspettare ferma devo batterle e rinforzarle da me sapendo che con loro accanto nn cadrò...
loro come io siamo qui Morena proprio per offrirti quell'angolo protetto dove rinforzare le tue ali ma la strada sarai tu a doverla fare,e so che è una strada faticosa e piena di dolore da affrontare ma alla fine di questa strada ci sei tu,una tu nuova,felice e serena,che possiede un'anima vera proprio perchè fiorita nel fango e avrai per mano due figli sereni forti perchè la loro madre ha saputo combattere e vincere la violenza dimostrando che il più forte nn è colui che violenta picchia e distrugge,ma colui che fa della dolcezza e della forza di un'anima buona le sue armi..
io sono qua Morena e nel momento in cui ti sentirai giù mettiti nel mio abbraccio ,e lascia che le lacrime silenziose lavino via ogni dolore,nn ti preoccupare le raccoglierò io e le trasformerò in tante piccole dolci carezze.....
Micol
12/24/2006 11:23 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
so bene che devo fare da sola,ma non so da che parte farmi ad affrontare il mio passato,so che voi ci siete ed ascoltarmi,e come sono riuscita ad affrontare ultimamente i problemi pratici,so che riuscirò ad affrontare il mio passato,che mi sta condizionando molto la vita,ma ho tanta paura di crollare e di perdere quel po che ho,comunque ci provo anche se non ti nego,apparentemente era più facile fare finta che non fosse successo niente.stasera è la vigiglia,i bimbi hanno preparato la paglia per le renne e il latte per babbo natale,erano felicissimi,e io con loro,a guardarli mi sono sentita bene,perchè so di averli strappati via dall'inferno e non gli ho fatto vivere cio che ho vissuto io,si forse ne vale la pena provare ad avere una vita normale anche io,forse un po lo merito.....buon natale
12/24/2006 11:39 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 145
Post: 135
Registered in: 12/21/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
com'è bello guardarli mentre preparano il presepio vero Morena,lo hanno fatto anche i miei,mettere la paglia e il muschio,scrivere la letterina a babbo natale e nn voler andare a letto per poterlo vedere..preparare i biscotti la sera prima cosi come hanno fatto i miei per lasciarli con il latte,e la serenità che senti Morena l'abbiamo costruita noi,noi con il nostro amore e la nostra forza,noi che dio ha benedetto con il dono di poter diventare madri e che ha dato una forza che al mondo nn può sconfiggere nessuno la forza dell'amore per i nostri figli..
lo so a volte nn vedere è più facile ma ricordati che il primo dovere è di essere sincera con te stessa,perchè una vita che ha come base di compromessi o il n voler vedere sarà sempre in bilico,e nnsaprai mai quando potrà cadere..
nn siamo qua solo per ascoltare Morena se fosse cosi,come dice sempre gae le nostre parole si scioglierebbero come neve al sole,siamo qua anche per trasformare le parole in azioni costruttive,in matoni nuovi per raforzare le basi dela tua vita,ma abbiamo bisogno che tu ci aiuti e che cammini con noi...

buon natale a te e agli angeli che dio ci ha messo accantocapaci nel loro piccolo di portare il dolore enorme che ci accomuna con la forza della loro semplicità e innocenza..
12/25/2006 1:26 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 1,118
Post: 1,071
Registered in: 3/5/2006
Gender: Male
Presidente Associazione Fidelis Onlus
Veteran User
OFFLINE
Il valore della vostra lotta per difendere la vostra vita e dignità non trova nelle parole la giusta collocazione... Sono davero felice che possiate condividere il vostro coraggio trasformandolo in azione concreta per la costruzione di un futuro migliore.
Il vostro esempio, spero, sia guida per altre donne che ancora attendono dentro il loro cuore di fare il primo passo, di rompere le catene del silenzio e iniziare a trasformare la propria esistenza.
Tutto è difficile nella vita, ma lo è ancor di più se non siamo padroni delle nostre scelte, se vivivamo nella costrizione e nella paura...
Continuate così affinchè le vostre voci, le vostre azioni ed i vostri cuori scrivano nel libro della vita laparola SPERANZA per coloro che non ne hanno...
Noi siamo con voi...

Un abbraccio caloroso e naturalmente BUON NATALE...

[SM=g27998]

Gae

12/26/2006 12:38 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 2,286
Post: 42
Registered in: 4/14/2006
Gender: Male
Junior User
OFFLINE
Cara !dolphin!, cara Micol, ho letto e riletto rigo per rigo il vostro dialogo,seguendo le orme del vostro cammino, e dalla tristezza e la commozzione di quanto è accaduto, mi è prevalsa la vostra forza, la vostra grande dignita' nell'essere madri coraggiose,il dire basta, il fingere il sorriso, avendo dentro l'inferno, solo per la gioia delle vostre creature...
Cosa dirvi se non avere un grande rispetto delle vostre anime, dei vostri cuori, esempio tangibile della tenacia dell'essere riuscite, a incatenare la crudelta' ingiustificata e disumana, a rischio vostro.
Grazie a voi, spero si alzi sempre piu' la voce del coragio, e diventi un coro liberatorio.
Un grande abbraccio, ed una carezza ai vostri cuori.Luciano.

12/27/2006 2:10 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 840
Post: 840
Registered in: 3/8/2006
Gender: Female
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Carissime Morena e Micol, non è facile esprimervi la gioia che sento nell'aver letto, nel vostro dialogo virtuale, l'inizio di una solidale amicizia tra due donne, vittime di ingiustizie crudeli, ma forti da uscirne alla fine vittoriose! Infatti sono certa che questo sarà il vostro finale: l'amore che vince sulla violenza....Sappiate che per quanto ci riguarda noi saremo sempre al vostro fianco, per sostenere ed incoraggiare ogni vostro piccolo passo, vi stringeremo forte al nostro cuore nei momenti più difficili e gioiremo con voi in quelli più felici! Dovete solo cercare di avere pazienza e non scoraggiarvi mai.
Micol leggerti in questi termini mi ha fatto capire che davvero stai diventando una donna nuova; Morena anche tu riuscirai a fronteggiare il tuo passato a testa alta, vedrai!!! Siate sempre le sole protagogiste della vostra vita, per troppo tempo vi è stata negata. Vi auguro tutto il bene del mondo, un abbraccio Ines.
12/27/2006 5:23 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
si ines,è facile parlare con una persona che ha avuto,più o meno, il mio stesso vissuto,leggendo le parole di micol,mi sono resa conto che con lei non ho bisogno di dare molte spiegazioni,ha capito al volo il mio essere.spero di avere la sua stessa forza,di riuscire ad affrontare il mio passato per poter vivere al meglio il mio presente coi miei figli.Mi piacerebbe avere una vita normale ma sopratutto trovare il gusto di vivere,continuo a non capire tante cose,a non capire come mai mi viene detto che ho diritto a questo e a quello,insomma io non ci sono abituata,però spero che voi mi aiutiate non solo a capire ma anche ad avere fiducia in me,spero di farcela.va bhe a presto un abbraccio
12/28/2006 7:35 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 840
Post: 840
Registered in: 3/8/2006
Gender: Female
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Cara Morena, certo che ti aiuteremo. Noi siamo qui proprio per questo..... La vita è un dono prezioso che il Signore ha fatto ad ogni suo figlio; il soffio spirituale che ha dato ad ognuno di noi è l'unicità che ci caratterizza. Ed è essa che tu devi difendere e valorizzare ogni singolo giorno, devi iniziare a volerti bene, a darti fiducia, a pensare che sei una bella persona. Purtroppo, molto spesso, sono le crudeltà di questa vita, del comportamento di tanta gente cattiva e malata, a portarci via i nostri sogni. Ma chi dice che non si può ricominciare a sognare....... Io, ancora una volta, ti chiedo di essere forte e di avere fiducia innanzi tutto in te, nelle tue potenzialità e poi in tutti noi che, non dubitare, non verremo mai meno ai nostri buoni propositi.
Sì è vero Micol ha un passato simile al tuo! E vedi come sta reagendo piano piano? ha trovato una grande forza dentro di lei da farle dire finalmente basta, ed ora lotta ogni giorno per conquistare sempre di più quella libertà e quell'esistenza che ciascun essere umano ha il diritto di possedere. Se ti aiuta ( e credo sia così ) fai tesoro delle sue parole, vedrai presto anche tu affronterai quel passato che ti fa tanto male, ed anche tu potrai diventare esempio per altre mille, duemila, tremila,............. donne che hanno bisogno di noi, un grande abbraccio......

[Modificato da Pedagogista 28/12/2006 19.37]

12/29/2006 1:45 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 145
Post: 135
Registered in: 12/21/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
Morena ti chiedo scusa se nn ti ho risposto prima....
sai hai scritto un concetto giusto,uno a cui anche io faccio ancora fatica a dare un significato..hai scritto:"nn ci sono abituata"..qui sta il concetto morena del prima e di adesso,nn ci sei abituata perchè vedi ora una vita completamente diversa da quella che vedevi prima..nn sei abituata a fare le cose semplici di tutti i giorni potendo scegliere,nn eri coscente che anche noi abbiamo dei diritti primo fra tutti quello di vivere e nn di trascinarci avanti finchè qalcuno, che ha le redini della nostra vita,nn decide di porvi fine...
la società nn è clemente con delle madri che rstano sole,questo no,le difficoltà di tutti i giorni sono enormi e nn peserebbero tanto se a pagarne le conseguenze fossimo solo noi ma accanto a noi abbiamo dei bambini e loro pagano queste conseguenze esattamente come noi...lo so morena lo so e credimi nn sai quanto anche io trovi difficile a volte trovare la forza di arrivare alla fine di certe giornate,ma ogni passo che facciamo adesso è una conquista verso una morena nuova..nn camminiamo più solo per sopravvivere ma camminiamo per costruire qualcosa,nn attraversiamo delle difficoltà perchè nn sappiamo come comportarci per nn farlo arabbiare ma stiamo attraversando delle difficoltà perchè ci stiamo conquistando una nuova vita...
vorrei che tu facessi una cosa per me se ti va,prendilo come un esercizio...quando leggo la tua impazienza di sistemare il tuo passato rileggo un pò me,te lo dissi già una volta anche io vorrei che tutto si sistemasse adesso cosi,cosi da poter vivere senza questo peso ma la nostra mente nn funziona cosi,nn si può dire bene ora mi concentro ricordo tutto del mio passato e poi chiudo e nn ne parliamo più..bisogna fare tuto a piccoli passi..
vorrei che provassi per un pò di giorni a nn pensare di voler sistemare il tuo passato,quando arriveranno i ricordi affrontali in quel momento e poi aprofitta delle pause per riacquistare forza e affrontare il prossimo di ricordo..un ricordo un passo..provaci..io sono sempre qua..
un pensiero per accarezzarti micol..



12/29/2006 7:24 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
si ho fretta
so micol,hai ragione sento la fretta, di risolvere tutto,dentro a volte vorrei avere un pulsante per spegnere tutto per cancellare il mio passato....vedi micol nella mia vita nessuno mi ha mai ascoltata allora,fin da bambina,ogni volta che mi arrivava su un brutto pensiero lo cacciavo all'istante,dovevo fare finta di stare bene o per me erano guai,allora non ci pensavo,è un meccanismo che mi porto dentro tutt'ora.quando i ricordi arrivano li caccio in automatico senza neanche rendermene conto ma a differenza di una volta ora mi rimane uno stato d'animo pessimo.sai non so se riesco a spiegarmi ma ci provo e spero che tu mi capisca,a volte mi arrivano su ricordi,istintivamente lo rivivo come lo vivevo allora,non so è come se tornassi bambina,ragazzina,le mie reazioni non sono di certo quelle di una trentenne.Mi è successo il giorno di S.Stefano,il mio stato d'animo è stato scatenato dai lego nuovi di mio figlio,mi sono ritrovata a gicarci,apparentemente sembravo una mamma che giocava col figlio,ma credimi mi sono dovuta trattenere molto,perchè li volevo nascondere,avevo paura che si rompessero ma sopratutto avevo il terrore che qualcuno mi scoprisse.subito non avevo capito cosa di così brutto mi legavo ai lego ieri mi è venuto in mente e ore me ne vergogno,non so non faccio altro che dirmi che avrei potuto evitare.comunque cercherò di seguire il tuo consiglio e a medabolizzare lo stato d'anomo che mi viene.ciao un abbraccio
12/29/2006 10:26 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 145
Post: 135
Registered in: 12/21/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
Morena capirti,si posso farlo...nn servono molte spiegazioni a chi ha fatto e sta facendo la tua stessa strada...
rigettare i ricordi brutti e fingere che stiamo bene è un meccanismo che abbiamo imparato bene,ma già c'è una differenza ora morena l'hai scritta tu,ora nn riesci a fare finta di niente ti rimane quello stato d'animo che ti impedisce di "dimenticare " del tutto..perchè? te lo sei chiesto forse perchè sei pronta a cominciare quella strada per dare al tuo passata il giusto posto,e purtroppo tutto ciò passa obbligatoriamente atraverso il rivivere i ricordi...
quegli episodi di cui parli tu in cui rivivi quei ricordi come se tornassi là e fossi di nuovo bambina io li chiamo flash,ti riportano a quei momenti in tutti i sensi vero?ti rivedi bambina e riprovi le stesse emozioni,la paura il terrore la vergogna poi cosi come sono arrivati spariscono e tu ti ritrovi ad adesso ma ti resta quella sensazione come se i ricordi fossero avvolti da una nebbia...
sono normali morena succedono anche a me,e voglio che tu impari una cosa..in questo cammino che stai per affrontare nn c'è nulla di cui ti devi vergognare nulla anzi,devi sempre e solo essere orgogliosa di ogni scalino che riesci a conquistare perchè è dagli scalini che conquisterai che trarrai la forza per affrontarne altri giorno dopo giorno sarà più facile,l'unico che si deve VERGOGNARE è SOLO COLUI CHE TI HA FATTO DEL MALE ricordalo sempre,sempre...
qui mi troverai sempre,nel limite del possibile sarò al tuo fianco io come ines gae e luciano,qui hai degli amici che ti ascoltano e ti offrono le loro mani per camminare insieme a te,nn perdere questa occasione perchè questa è la tua occasione per rinascere e finalmente conoscere la vera Morena,forte e orgogliosa di essere madre e donna quella morena che io gae ines e luciano già vediamo ma che per ora tu nn vedi..nn ti preoccupare nn ti lasceremo mai finchè nn sarai ingrado di camminare da sola...
spero che ogni ragazza che legge ancora in silenzio,parlando il linguaggio delle lacrime trovi il coraggio di chiederci aiuto nn serve farlo nel forum ci sono le email private qua poi noi daremo le nostre e i nostri contatti per parlare in assoluto rispetto del privato;so che è difficile credere che delle persone possano fare tutto questo solo per aiutare,ma è cosi ines e gae dedicano la loro vita a porgere le loro mani e nn chiedono nulla..solo che vi fidiate di loro e che gli diate il vostro cuore affinchè loro lo possano cullare e avvolgendolo d'amore curarlo... fidatevi di noi n vi lasceremo sole MAI.
nella condivisione del vostro silenzioso dolore ..vi voglio bene Micol
12/29/2006 10:56 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 174
Post: 164
Registered in: 11/8/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
la mia paura più grande è quella di farmi prendere dalla disperazione e non essere in grado di gestire i bimbi,o addirittura di farmeli portare via,è stata una gran fatica anni fa pararmi davanti a loro superai la mia paura di lui,le mie paure pur di non permettergli di fare altro ai miei figli,ma come ho già detto ho pagato a caro prezzo il tutto.ines sta aiutando anche mia figlia,credimi è l'unica di cui si fida,io ora voglio uscirne e riuscire a vivere decentemente col vs aiuto e spero un domani di poter aiutare anche io chi ha subito come noi.faccio fatica a parlare e confrontarmi con te nel forum,anche se so che è giusto che tente persone leggano e magari chi sta ancora in silenzio trova il coraggio di parlare,ma per me è ancora difficile raccontare la mia storia a tutti,va bhe forse mi sono spiegata male
12/29/2006 11:09 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 145
Post: 135
Registered in: 12/21/2006
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
bene Morena se tua figlia è seguita da ines è in buonissime mani..guarda morena che nn siamo costrette a parlarci qua..anzi..se vuoi mandami una mail pvt qua e poi io ti mando i miei contatti oppure fai prima e chiedili a ines lei li sa anche il mio contatto su msn..li potremo parlare solo noi due oppure insieme a gae e ines e luciano e a quante di voi abbiano bisogno di aiuto....io spesso rispondo qua Morena perchè se ci chiudiamo sempre in msn o nelle mail(e credimi so che in pvt è più facile parlare di certe cose)nn aiuteremo le altre ragazze a parlare con noi,questo forum è nato per dare spazio e voce ai vostri cuori,qui avete uno spazio dove nessuno giudicherà,dove ogniuno di noi nel nostro piccolo vi accoglieremo nel nostro abbraccio..questo è uno spazio protetto dove potrete esprimere voi stesse,qua ci siamo noi a vigilare...
per i primi tempi so che è difficile parlare in forum per questo noi siamo disponibili a darvi i nostri contatti,ma nn appena ve la sentirete date voce al vostro cuore qua perchè la vostra strada e la vostra voce sia di esempio per coloro che vagano ancora nel buio...
morena ti rinnovo il mio invito se trovi difficile parlare qua chiedi pure il mio contatto di msn a ines...io ti aspetto sempre in qualsiasi luogo o forma tu desideri avermi accanto..
una carezza..Micol
12/31/2006 1:39 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 4,466
Post: 827
Registered in: 3/10/2006
Gender: Male
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Ho letto tutta le vostre discussioni e sono davvero felice che state camminando insieme... Per quanto riguarda la difficoltà di scrivere pubblicamente abbiamo creato lo Spazio virtuale privato dove possono leggere solo una cerchia ristretta di persone... pertanto cara Dolphin se lo desideri faccio entrare, nel tuo spazio privato, anche Micol così potete parlare tranquillamente senza che nessun altra persona possa leggere le vostre discussioni... Fammi sapere...


Un abbraccio e scusate la fretta... Vi auguro di cuore un sereno 2007 e non disperatre mai, noi siamo con voi...

Gae
12/31/2006 5:48 PM
 
Modify
 
Quote
Post: 840
Post: 840
Registered in: 3/8/2006
Gender: Female
Moderatore Forum Antiviolenza
Senior User
OFFLINE
Carissime Morena e Micol il dialogo che incontra le vostre due anime tocca il cuore.....siete due donne, a mio avviso, forti nonostante tutto quello che avete e che state passando.
Invito te cara Morena a continuare il cammino che insieme abbiamo iniziato facendoti forte della certezza che noi non smetteremo MAI di stare al tuo fianco, lottando insieme a te fino a quando il tuo domani sarà il nuovo giorno che da tanto tempo tu attendi di vivere.....
A te cara Micol voglio dire grazie per la tua costante e preziosa presenza nel nostro Forum. Leggendoti mi rendo conto, ogni giorno sempre di più, di come tu sia rinata cara amica.
Da parte nostra non mancherà mai il nostro sentito abbraccio per tutte voi donne che, in un doloroso silenzio,leggete il Forum ma che ancora non trovate quella forza che vi possa fare uscire fuori dal vostro guscio. Amiche ciascuna di voi può uscire dalla propria sofferenza, non dubitate, cercate dentro di voi quel coraggio che faccia arrivare a noi la vostra richiesta di aiuto. Essa troverà sempre due, quattro, sei, otto braccia aperte ad accogliervi nel nostro abbraccio fraterno.
Con affetto, Ines [SM=g27998]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag cloud   [show all]

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:56 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com


FORUM DI POESIE E RACCONTI