Nuova pagina 1

 

 

 

 

 

Menù rapido al Forum

RIAPRE IL CENTRO ANTIVIOLENZA ADID

 
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author

non so che fare,ne che pensare

Last Update: 11/25/2011 9:46 AM
11/25/2011 2:25 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 1
Post: 1
Registered in: 11/25/2011
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
Salve..io sono nuova di qui ma mi serve aiuto....
non so più che fare,non so più pensare,non so più nulla di nulla..
sono confusa,almeno lo credo,a dirvi la verità non so neanche da dove cominciare,perché non so da dove e cominciato tutto.
Faccio fatica anche a scrivere perché le cose sono tante e non vorrei vengano fraintese le cose. pero cercherò di essere chiara(sto piangendo a scrivere perché non c'è la faccio più)
praticamente io ho 23 anni sono stata adottata da una copia di italiani quando avevo 8 anni,i miei genitori biologici non se sono morti con il passare degli anni,ma so che ci ho vissuto con loro fino alle eta di 3 anni,ho ricordi di loro che ancora vivono dentro di me,mia madre non era una madre esemplare era una donna dei bassi fondi portava uomini in casa e mi faceva assistere a tutto quello che faceva,mio padre era un ladro e quindi non era mai in casa,tutti e due erano anche drogati e io puntualmente sempre in mezzo. Fino a quando gli assistenti sociali mi portarono via in un istituto e ci rimasi per 4 anni cambiandoli spesso perché il mio padre biologico mi rapiva.
Verso i 5 anni comincia a comportarmi come mia madre biologica e quindi sono stata portata in analisi ma a mia madre adottiva gli dissero che ero guarita da certi comportamenti ma credo che non era cosi,perché dopo due anni che ero in Italia comincia a fare le stesse cose che facevo prima..cioè guardare i genitali dei maschietti,che porto al primo rapporto con un bambino(dico bambino perché aveva all'epoca 14 anni)e continuo cosi per un po di tempo finché non conobbi questo ragazzo per telefono...passavamo pomeriggi al telefono a parlare e a 14 anni non e che capisci molto quindi ci siamo messi insieme al telefono dopo un mesetto ci siamo visti di persona,ancora ricordo cosa pensai la prima volta che lo vidi,pero non riuscivo a capire se mi piaceva o no...pero ci sono rimasta con lui,dopo un anno che stavamo insieme ed un anno che avevamo rapporti non protetti rimasi incinta,lui non voleva che lo tenessi neanche i suoi volevano,ma i miei genitori mi spiegarono tutto e mi diedero la libera scelta sul da farsi,
ero in mezzo a due fuochi:se abortivo non volevo vederlo mai più ma avrei rovinato il rapporto con i miei genitori(mi addotarono perché mia madre non può averli)invece se lo tenevo non so se gli rovinavo la vita,sia la mia quella del padre e quella del bambino...ma quando andai dall'abortista decisi di tenerlo ed andare avanti.
Il papa del bambino era quasi scomparso non si presentava più a casa,mi faceva vergognare di avere il pancione, al 7 mese rischiavo di perderla perché avevo delle complicanza e anche li no era vicino a me. Quando arrivo il giorno del parto beh era li ma per 2 ore e il secondo giorno neanche si e presentato,ha preferito andare a giocare a calcio con gli amici e da comincio a dirmi di dimagrire che ero grassa,quando andavo nei negozi non mi provavo nulla perché lui mi diceva si vede la pancia,non uscivamo mai con nostra figlia perché si vergognava,dopo 4 anni che vivevamo ognuno con i propri genitori decidemmo di andare a convivere e da li e successo la fine di tutto,mi diceva che non lo eccitavo più come una volta se non avevo la pancia mi poteva prendere come voleva lui ogni santo giorno dovevo alzarmi prima di lui a preparargli la colazione mettergli i panni nei termosifoni preparare me e anche la bambina che doveva andare all'asilo poi andare al lavoro tornare per l ora di pranzo quindi fare le corse per preparare il pranzo e fargli trovare il piatto pronto,non mi diceva mai che gli mancavo durante il giorno,mi diceva che non valevo niente,che avrebbe voluto una madre diversa per sua figlia, finché non gli ho messo le corna,da li me lo sono tenuto dentro per un po ma dopo son scoppiata e glielo dissi ma nonostante tutto non e andavo via di casa e diciamo che i rapporti ne avevamo più di prima finché un giorno mentre stavamo facendo mi esclamo una cosa che lo buttai fuori di casa...non ritorno più e quindi io tornai a vivere da mia madre...ma noi due continuavamo a vederci a frequentarci con più leggerezza e anche avere rapporti...e questo per un anno finché non si e messa in mezzo una mia ex amica e li non ho più potuto avere il rapporto che avevo prima con lui...beh vi dico io la odio perché ha 2 figli fatti con un nostro amico non lavora, ora si fa mantenere dal padre di mia figlia e io mi arrabbio con lui perché da meno soldi alla figlia.....ora il rapporto con lui e sempre peggio io mi arrabbio ed e giusto perché fa cose che non dovrebbe fare del tipo porta in casa lei quando c'è mia figlia che dorme nella stanza affianco escono tutti e tre come una famigliola felice..e mia figlia e disturbata da sta cosa... io vi giuro non ce la faccio più a sopportare questa cosa,minaccia di non dare il mantenimento se io non gli faccio vedere la figlia quando vuole,io gliela do sempre quando la cerca ma in un paio di uscite gliela nego..tipo il suo compleanno....e i compleanni dei figli dell'altra, io non so che dire cioè mi potete prendere anche per una bambina ma ho bisogno di consigli non so che fare ho paura della reazione di qualcuno non lo so...vi prego...ascoltatemi
11/25/2011 9:46 AM
 
Modify
 
Quote
Post: 224
Post: 48
Registered in: 5/10/2011
Gender: Female
Junior User
OFFLINE
Cara mery.... certo che ne hai passate tante. Io credo che non sia affatto facile affrontare la tua situazione e no, non penso che tu si una bambina.
Quanti anni ha tua figlia? I tuoi genitori che cosa dicono di questo?
Lui come tratta la bambina? Lei ci va volentieri?
Scusa tutte queste domande, ma sono per capire meglio la situazione...
In ogni caso, penso che il tuo primissimo dovere come mamma, sia quello di ritrovare la tua serenità. Capisco la tua rabbia nei confronti della nuova compagna del tuo ex... ma mi sembra di capire che comunque voi non eravate felici, e tu non eri trattata con il rispetto che ogni persona merita.
Molto probabilmente hai molte ferite che ancora ti fanno male... pensi che potrebbe essere una buona idea parlarne con qualcuno, che ti possa aiutare a gestire questi ricordi e queste emozioni, fino ad aiutarti a ritrovare la tua serenità? Solo stando BENE tu, potrà stare bene tua figlia.
Un abbraccio
"Voglio cambiare il mondo", disse la ragazzina.
"Ah sì? E come pensi di farlo?", chiese il professore.
"Con l'Amore", rispose lei sorridendo.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag cloud   [show all]

Feed | Forum | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 9:02 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com


FORUM DI POESIE E RACCONTI